Perchè ho interrotto la dieta Flexitarian

Guide

Perchè ho interrotto la dieta Flexitarian

Avevo davvero motivi importanti quando ho deciso di provare. Tuttavia, dopo quasi due anni di risultati poco brillanti, ho finalmente interrotto la mia dieta flexitarian.

Cosa vuol dire Flexitarians?

Secondo il mio pensiero, sono le persone che si fanno prendere dal panico al pensiero di non mangiare più carne.Secondo la Mayo Clinic, sono ” mangiatori flessibili” che non vogliono seguire una dieta completamente vegetariana.

A differenza di molti regimi nutrizionali, che sottraggono determinati alimenti o categorie di alimenti, questo regime consente di aggiungere cinque gruppi di alimenti nella vostra dieta. US News indica che con la flexitarian , è possibile beneficiare di tutti gli aspetti sani di una dieta vegetariana, ma è possibile aggiungere una succosa bistecca se l mal’umore ti colpisce.

Il Programma

Gli esperti guardano ai 2010 Dietary Guidelines for Americans , uscito il 31 gennaio 2011, dal Dipartimento di Salute e Servizi Umani e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, come l’ispirazione per il movimento flexitarian.

Queste linee guida hanno sottolineato il bilanciare le calorie con l’attività per la gestione del peso e mangiare più alimenti specifici e nutrienti. Hanno anche incoraggiato a mangiare meno cibi contenenti sostanze come sodio, alcuni grassi, colesterolo, zuccheri aggiunti, e di cereali raffinati.

La dieta inizia un vantaggio nutrizionale “base zero” e aggiunge cinque gruppi di alimenti per l’assunzione di una persona:

  • “Nuova carne” – fagioli, tofu, lenticchie, piselli, semi e noci, uova
  • Frutta e verdura
  • Cereali integrali
  • Prodotti lattiero-caseari
  • Zucchero e spezie – erbe, condimenti per insalata, determinati edulcoranti

La dieta tradizionale flexitarian ha un piano di pasti specifico, ma i devoti che non sono puristi scambiano e regolano i menu per soddisfare le preferenze personali. Il calciatore si può godere un hamburger di tanto in tanto.

Perché sono diventata Flexitarian

Sono cresciuta in una famiglia tedesco-americano in Ohio i cui pasti principali consistevano in piatti di manzo, maiale e pollo fritto.

Non ho saputo fino al college che la maggior parte delle persone non prendono in considerazione due braciole di maiale un unico pasto.

Due anni fa, ho deciso che volevo perdere 15 chili. Dopo tre interventi chirurgici intestinali, non c’era verso potevo digerire solo una dieta completamente vegetariana.

Preoccupata per la salute del mio cuore e mantenendo un peso in eccesso, ho deciso di diventare una flexitarian. Questo era un po ‘complicato, dal momento che tutti i prodotti lattiero-caseari dovevano essere immediatamente seguiti da una pillola per l’intolleranza al lattosio. La carne era graziata di tanto in tanto.

Le mie aspettative erano modeste. Volevo fare cose buone per il mio intestino e tagliare i grassi e calorie nella mia dieta, tutti con la benedizione del mio medico. Al di là di perdita di peso, volevo avere più energia – essere in grado di camminare in realtà ogni giorno, nel rispetto di alcune limitazioni ortopediche.

Un altro obiettivo era ridurre la pressione del sangue senza farmaci.

In breve, ho volevo quella che è una salute ottimale per me.

Come funzionava

Ho mangiato 2-4 pasti alla settimana a base di carne, pollame, o pesce. Ho consumato un sacco di uova, pasta, zuppe e succhi di frutta.

Anche se, la frutta e le verdure che ho mangiato sono state troppo per il mio tratto digestivo alterato. Ho avuto gonfiore persistente e problemi di flatulenza. In alcuni giorni, il mio addome mi faceva semplicemente male. Più mi riducevo ad alimenti come verdure fresche, e più ero affamata.

Ho perso peso?i n tutto quattro chili. Mi sono sentita più sana e con più energia? Non proprio.

Io a malincuore ho interrotto la mia dieta flexitarian ma non i miei tentativi di essere più sana. Nei due mesi dopo averla abbandonata, ho perso otto libbre,consumo carne più spesso, ma in quantità minori rispetto al passato. Ho tagliato grassi e calorie.

Il risultato: la fame si è notevolmente ridotta e sono più felice.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*