Dieta mima digiuno del Dottor Valter Longo: come funziona

Dieta mima digiuno del Dottor Valter Longo: come funziona

Salute

Dieta mima digiuno del Dottor Valter Longo: come funziona

dieta mima digiuno
dieta mima digiuno

La dieta mima digiuno inventata da Valter Longo non solo permette di perdere peso ma previene l’insorgenza di malattie. Una “ricetta” che spopola su Twitter

Negli ultimi giorni è giunta all’attenzione del grande pubblico una nuova dieta grazie al servizio messo in onda dal programma Le Iene. La dieta mima digiuno è stata studiata dal dottor Valter Longo, ricercatore presso l’University of Southern California (Usc) e responsabile del programma di ricerca “Oncologia & Longevità” all’IFOM (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare).

Il suo studio si basa su l’anomalia dei Laron, ovvero una popolazione ecuadoregna affetta da nanismo dove non esistono ne forme di tumore ne diabete. Secondo il dottor Longo il motivo di questa particolare condizione si trova nel DNA degli abitanti e grazie ai suoi studi sarebbe riuscito a riprodurre, tramite un regime alimentare controllato, gli effetti di un gene che inibendo il ricettore della crescita permetterebbe di bloccare l’avanzata del cancro.

La dieta a basso contenuto calorico ha gli stessi effetti di un digiuno a base di acqua, eseguita per un periodo di circa 5 giorni permetterebbe quindi di depurare il nostro organismo e garantirebbe l’eliminazione delle cellule danneggiate.

Il kit per perdere peso è attualmente in vendita solo negli Stati Uniti al prezzo di 150 dollari ed è composto da 5 pacchetti da mangiare nei 5 giorni stabiliti dalla dieta. Contiene: due confezioni di olive, alcune bustine di tè, diversi minestroni liofilizzati di cereali e quinoa e frutta secca. Prima di poter acquistare il pacchetto però il sito richiede dati approfonditi e riferimenti del medico curante.

Il kit è stato testato anche dalla “iena” Nadia Toffa che dopo i 5 giorni stabiliti ha effettivamente perso 2 kg. Secondo il dottor Longhi si tratterebbe di grasso viscerale mentre il nutrizionista Enzo Spisni, docente di Fisiologia della nutrizione all’Università di Bologna, ha dichiarato che secondo lui si tratterebbe solo di acqua in eccesso.

Anche per questa dieta ci sono pareri controversi. La cura sarà quindi oggetto di studio nei prossimi mesi per stabilire se si riscontrano realmente le proprietà benefiche annunciate dal dottor Longo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Couperose
Salute

Couperose: rimedi per il viso

18 novembre 2017 di Notizie

La Couperose o “Maledizione dei Celti” è una malattia dermatologica. Scopri le cause ed i trattamenti protettivi e alimentari per contrastarne l’insorgenza.