Dieta Sirt: prodotti, schema, menù, esempio

Salute

Dieta Sirt: prodotti, schema, menù, esempio

dieta-sirt

La nuova frontiera del dimagrimento è la Dieta Sirt. Quali sono le sue caratteristiche e cosa significa Sirt? Ci sono dei cibi particolari da assumere o no?

Dieta Sirt: cos’è e come seguirla

La Dieta Sirt, detta anche dieta del gene magro, è stata ideata da due nutrizionisti inglesi Aidan Goggins e Glen Matten. Secondo questo nuovo regime alimentare è possibile perdere 3,2 chili in una settimana.

Resa famosa dalla cantante Adele, che in un anno ha perso 30 chili, la dieta è illustrata nel libro Sirt, la dieta del gene magro, in libreria dal 31 marzo.se ne è tornato a parlare ultimamente perché tale dieta è stata anche seguita da Pippa Middleton per arrivate alle nozze in forma fisica perfetta.

Si tratta di un programma alimentare approvato da medici e nutrizionisti che è il risultato di studi approfonditi su un gruppo di geni scoperti solo di recente. Nel libro si spiega che tutta la dieta è stata formulata sulla base delle sirtuine, dei super regolatori metabolici che controllano la nostra capacità di bruciare i grassi e restare in buona salute. Le sirtuine sono in grado di regolare il metabolismo e di controllare la capacità dell’organismo di bruciare i grassi.

In sostanza, accelerano il metabolismo e aiutano a far perdere peso senza diete eccessive.

Ma, secondo i due nutrizionisti, cosa attiva le sirtuine? Lo sport e il digiuno sono i primi elementi che influenzano questi geni. Naturalemnte esistono dei cibi che sono in grado di accellerare l’azione delle sirtuine, sono detti cibi sirt. I cibi sirt, grazie alle loro proprietà, sono in grado di ricreare, nel nostro organismo, gli stessi effetti dello sport e del digiuno.

Non pensate che siano alimenti esotici, tutt’altro. I cibi sirt sono di uso comune, in un caso c’è un alimento talmente comune che non ci aspetteremmo di trovarlo in una dieta: il cioccolato che rappresenta davvero una piacevole sorpresa. Nel menù giornaliero della dieta sono previsti tra i 15 e i 20 grammi di cioccolato fondente (85%). In più olio extravergine di oliva, cipolle rosse e radicchio rosso, rucola, fragole e caffè. Se non volete rinunciare al piccante non è un problema, anche il peperoncino è considerato sirt, insieme al prezzemolo, al cavolo riccio e ai capperi.

Altri alimenti sono più difficili da trovare: il levistico, il tè matcha e i datteri medjoul, mentre tofu e curcuma sono ormai ampiamente disponibili.

La dieta prevede due fasi. La prima è più restrittiva e dura 7 giorni. I primi 3 giorni dovrete limitarvi ad assumere 1000 calorie al giorno. Secondo il libro queste calorie possono essere rispettate bevendo tre succhi verdi sirt (di cui trovate la ricetta) insieme a un pasto solido, anche questo rigorosamente sirt. Dal giorno 4 al giorno 7 le calorie aumenteranno fino a 1.500 e i pasti consisteranno in due succhi e due portate solide. Alla fine della settimana, se avrete seguito tutto alla lettera, avrete perso 3,2 chili.

La seconda fase è di mantenimento e dura 14 giorni. È meno restrittiva della prima e prevede cibi sirt a volontà: 3 pasti solidi più due succhi. L’importante è che siano bilanciati. I vantaggi di questa dieta sono diversi.

Uno è il fatto che il limite di calorie è indicativo e non un obiettivo da raggiungere. Un altro vantaggio è che i piatti proposti saziano molto quindi non avrete gli attacchi di fame tipici di altre diete.

La restrizione calorica della dieta anche nella fase più intensiva non è drastica e i cibi Sirt possiedono un effetto saziante, che ci evita di arrivare affamati ai pasti.

Le altre diete più diffuse

Ovviamente, sebbene rappresenti la nuova frontiera del dimagrimento, la Dieta Sirt non è l’unico metodo per raggiungere i risultati desiderati. nello stesso ambito, infatti, rientrano la Dieta Dukan, la Dieta Scarsdale, la Dieta dell’Indice Glicemico e la Dieta SuperMetabolismo. Vediamole insieme!

DIETA DUKAN

Nato 8 Luglio 1941, Pierre Dukan è oggi l’esperto della nutrizione più rinomato in Francia. Dopo aver speso tutta la sua vita in ricerca, Pierre Dukan ha realizzato una delle maggiori opere biografica: “La dieta Dukan”, diffusa in più di trenta paesi e tradotta in quattordici lingue.

La dieta Dukan si struttura su 4 fasi: 2 fasi di dimagrimento in cui rientrano la fase di attacco, ossia una perdita di peso rapida comprendente 72 alimenti di proteine pure, ed una fase di crociera, ossia una perdita di peso progressiva per raggiungere il Giusto Peso attraverso 28 verdure e 2 fasi di mantenimento in cui rientrano la fase di consolidamento per rieducare il corpo e la fase di stabilizzazione con 3 regole da mantenere nella vita.

Per un approfondimento circa i 100 alimenti autorizzati, l’attività da affiancare alla dieta e molte altre curiosità, il libro qui di seguito proposto darà risposta a tutti le vostre domande.

DIETA SCARSDALE

Punto centrale della dieta Scarsdale, sviluppata dal Dottor Tarnower, è la riduzione dei carboidrati a favore delle proteine con la seguente ripartizione: 43% di proteine, 34.5% di carboidrati e 22.5% di grassi.

La dieta si sviluppa su 14 giorni durante la quale è possibile scegliere tra 5 menù dove non vengono esplicitate le quantità ma solo i cibi autorizzati.

A questa fase seguono, poi, altri 14 giorni durante i quali è possibile variare maggiormente gli alimenti; tale fase è definita come fase di stabilizzazione. La dieta Scarsdale può essere ripetuta quante volte si vuole ma a distanza di tempo.

Per il programma completo della dieta Scarsdale potete affidarvi al libro qui sotto presentato che vi fornirà, in dettaglio, tutte le informazioni di cui potete avere bisogno.

DIETA DELL’INDICE GLICEMICO

Questo tipo di dieta si basa fondamentalmente sul livello di glucosio nel sangue. La dieta dell’indice glicemico non è considerata come una vera e propria dieta in quanto non viene richiesto né di contare i carboidrati, né di abbassare il contenuto di grassi, né di ridurre le porzioni o contare le calorie. Questa dieta viene essenzialmente utilizzata per evitare lo squilibrio glicemico, cambiare le abitudini alimentari e seguire una dieta a lungo termine.

Il libro proposto è un utile strumento per approfondire maggiormente una dieta non molto conosciuta ma con un grande impatto benefico sulla salute di ognuno.

La dieta dell'indice glicemico. Dimagrire in allegria
Prezzo consigliato: EUR 21,90
Prezzo: EUR 18,62
Risparmi: EUR 3,28
Compra ora

DIETA SUPERMETABOLISMO

Sviluppata dalla statunitense Haylie Pomroy, la dieta del supermetabolismo è una delle nuove strategie per perdere peso in modo semplice e rapido.

L’obiettivo di tale dieta è quello di riparare ed attivare il metabolismo con conseguente perdita di peso.

Il percorso ciclico si articola in 3 fasi, ciascuna di 2 giorni, per un totale di 28 giorni: la prima fase prevede il consumo di carboidrati, qualche alimento proteico e pochissimi grassi; la seconda fase prevede molte proteine e verdure a foglia larga mentre sono vietati i grassi ed i carboidrati; infine, nella terza fase, si reintroducono l’olio extravergine di oliva, le noci e le mandorle. Questa dieta vieta farina, mais, latticini, soia in tutte le sue forme, caffè, tè e zucchero.

Se siete curiosi di scoprire di più su questa dieta, il libro che trovate qui di seguito è quello che fa per voi!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche