Dietrofront della Provincia di Milano sulle gomme invernali COMMENTA  

Dietrofront della Provincia di Milano sulle gomme invernali COMMENTA  

Gomme e neve

Ha suscitato qualche polemica la decisione presa la scorsa settimana dalla Provincia di Milano di introdurre l’obbligo di circolazione per i veicoli nelle strade della zona con le gomme invernali a partire dal 15 novembre al 15 marzo, indipendentemente dalla presenza di manto nevoso sulla superficie, una scelta fatta per tutelare maggiormente la sicurezza di viaggia in auto in condizioni che possono essere pericolose specialmente per la formazione del ghiaccio.

Non tutti erano però d’accordo con questa normativa perchè avrebbe significato per molte famiglie dover intraprendere ulteriori spese in un periodo non certo florido per molti italiani, mentre prima era comunque possibile montare gli oneumatici da neve sulle auto ma per scelta consapevole di ognuno. Ora, però, è arrivato il dietrofont da parte del presidente della Provncia di Milano, Guido Podestà, che ha deciso di sospendere questa nuova ordinanza a seguito dell’incontro avuto ieri con alcuni rappresentanti delle associazioni dei consumatori che hanno manifestato i problemi che avrebbe avuto comportato questa attuazione.

Al momento il rinvio è slittato a fine anno e ci si ritroverà tra un po’ per tornare a discutere nuovamente della norma, ma secondo alcune indiscrezioni non è da escludere la possibilità che almeno per questo inverno non si prende più in considerazione la proposta, soprattutto dopo avere verificato un aumento quasi vertiginoso dei prezzi delle gomme e la necessità di investire ulteriori fondi per l’installazione dei cartelli di divieto da inserire nelle varie strade. Spetterà quindi a ogni automobilista decidere in modo autonomo se effettuare il cambio gomme per la propria vettura in vista dell’arrivo dell’inverno o optare per l’acquisto delle catene da neve, ma prestando comunque la giusta attenzione a eventuali speculatori che potrebbero avere approfittato della situazione per introdurre ulteriori aumenti dei prezzi.

Immagine tratta dal sito www.neveitalia.com

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*