Diletta Leotta, dopo le foto spunta un presunto video della giornalista COMMENTA  

Diletta Leotta, dopo le foto spunta un presunto video della giornalista COMMENTA  

La diffusione sul web di immagini ‘hot’ della giornalista Sky Diletta Leotta hanno scatenato un vero polverone in rete. Anche oggi infatti le parole ‘diletta leotta’ rimangono le più digitate sui motori di ricerca, con decine di migliaia di persone a caccia di quegli scatti, che sarebbero dovuti rimanere privati, della giornalista in topless e mutandine. Peraltro, nelle ultime ore, alle immagini si è aggiunto anche un presunto video hot che mostrerebbe la Leotta senza veli, anche se ad oggi non è stato possibile risalire all’identità della ragazza bionda protagonista del filmato, e potrebbe dunque trattarsi di un video fake diffuso solo per alimentare la curiosità del popolo del web.

Leggi anche: Diletta Leotta, foto sexy su Facebook fa impazzire il web


Resta però confermato il fatto che i profili privati della giornalista sportiva siano stati hackerati, con conseguente diffusione di contenuti che sarebbero dovuti rimanere privati, su internet, attraverso link dai quali è possibile scaricare gli scatti.

Leggi anche: Foto hard Diletta Leotta, la reazione di Balotelli

Ne sono nati anche diversi fotomontaggi, divenuti virali insieme alle immagini originali. Una situazione dunque sfuggita di mano come purtroppo spesso accade quando materiale privato diviene involontariamente di dominio pubblico….

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*