Dimissioni Papa, cosa succederà il 28 Febbraio

News

Dimissioni Papa, cosa succederà il 28 Febbraio

Dopo l’annuncio choc delle dimissioni di Papa Benedetto XVI, è ufficialmente iniziato il Conclave. Il 28 Febbraio prossimo il Papa, come vuole la tradizione, deporrà l’anello d’oro piscatorio e pronuncerà in latino la frase “Non sum dignus” (“Non ne sono degno”). Verrà fissato il giorno di inizio delle votazioni, con la contemporanea formazione di due Congregazioni di Cardinali, che Wojtyla inserì nel 1996 tra le norme che regolano il Conclave: una generale, l’altra particolare.

Poi verrà celebrata la “Missa pro eligendo pontifice”: la Chiesa si affida allo Spirito Santo per la scelta del successore di Pietro. I cardinali si riuniranno nella Cappella Sistina per procedere alle votazioni, le prime molto probabilmente si terranno verso il 10 Marzo.

Il Papa dimissionario non partecipa al Conclave, e durante quei giorni ogni suo incarico decade automaticamente. A Ratzinger spetterà solo l’ordinaria amministrazione fino alla designazione del nuovo Pontefice.

Tra i favoriti successori di Benedetto XVI si vocifera di Angelo Scola, Arcivescovo di Milano. Scola era già stato indicato come successore di Giovanni Paolo II.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...