Dionea : la forma classica

Piante e Giardino

Dionea : la forma classica

nullLe foglie trasformate in due valve capaci di richiudersi sulla vittima e dotate di una corona di ciglia, tanto che possono richiamare la forma di fauci, si richiudono grazie a setole sensibili che sollecitate, innescano il movimento a scatto.
Le mosche, la vittima preferita come il popolare pigliamosche suggerisce, e il nome latino della specie più diffusa Dionaea muscipula conferma, sono attratte dal colore rosso vivo e dall’odore delle foglie trasformate.
Il tempio necessario a digerire la preda varia da 24 a 48 ore, in funzione della taglia, e solo a processo ultimato le foglie trappola, si riaprono.
Gli insetti, digeriti da enzimi specifici, forniscono alla pianta solo un’integrazione alla nutrizione azotata perché la quota principale proviene dall’assorbimento radicale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche