Disagi alla Ferrovia Roma Nord, passeggeri sui binari COMMENTA  

Disagi alla Ferrovia Roma Nord, passeggeri sui binari COMMENTA  

Le Ferrovie di Roma Nord trasportano i pendolari dalla Capitale a Viterbo, e viceversa. Stavolta i disagi coinvolgono questa linea ferroviaria appunto molto frequentata quotidianamente dai pendolari. I convogli stracolmi, le corse soppresse e i passeggeri costretti a camminare a piedi sulle rotaie. Una serie di problemi che ha scatenato le reazioni (a dir poco giustificate) e la denuncia del Comitato Pendolari Roma Nord.

Leggi anche: Minacce morte a sindaco Parma Pizzarotti. Lettere minatorie: Digos avvia le indagini

Le foto pubblicate sui social network rendono più chiara la situazione e quello che sta succedendo in questi giorni. A Stazione Flaminio, ad esempio, non si riesce ad uscire perché la gente è troppa e si affolla, costretta a fare gincana tra il treno e l’uscita. Ovviamente tutto questo mette in serio pericolo l’incolumità stessa dei pendolari.

Leggi anche: Pizzo per Natale, arresti in provincia di Caserta

L’azienda che cura la gestione dei trasporti a Roma, l’Atac, per tutta risposta dichiara che quelle foto riprendono il comportamento sprovveduto ed incosciente di alcuni passeggeri incuranti delle regole di sicurezza. I cittadini però lamentano, oltre che una mancanza di sicurezza per i passeggeri, anche una serie di disservizi come la soppressione delle corse a causa del nuovo orario di servizio. “Ogni giorno saltano decine di corse urbane, di cui solo alcune vengono annunciate sul sito”, dicono, chiedendo a gran voce che venga stabilito un orario degno che preveda meno corse, ma senza alcun ritardo o soppressione.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*