Disastro aereo Metrojet, escluse le responsabilità dell'Isis

Disastro aereo Metrojet, escluse le responsabilità dell’Isis

Esteri

Disastro aereo Metrojet, escluse le responsabilità dell’Isis

Permangono ancora le incertezze sulla dinamica del disastro aereo avvenuto alcuni giorni fa nel Sinai, dove hanno perso la vita 224 persone tra civili e personale di bordo. L’aereo faceva parte della compagnia aerea di linea russa Metrojet.

Un portavoce del Cremlino ha dichiarato che non si può escludere la pista del terrorismo fra le cause del disastro aereo e intanto la compagnia ha fatto sapere che l’Airbus 321 si sarebbe spezzato in volo, come evidenziato dall’esame della scatola nera, e questo esclude categoricamente l’ipotesi di un errore umano o di una semplice avaria.

Intanto proseguono le indagini effettuate proprio sui rilievi della scatola nera, mentre si esclude categoricamente la pista terroristica, essendo stata giudicata inattendibile la presunta rivendicazione da parte dell’Isis, poichè l’aereo viaggiava ad una quota non raggiungibile dalle armi a disposizione della associazione terroristica.

La Metrojet ha confermato che a bordo non vi erano problemi prima del disastro aereo, poichè il pilota non aveva lanciato alcun sos, per questa ragione prende sempre maggiore forza la tesi secondo la quale, a bordo vi fosse la presenza di un ordigno.

Il capitano – ha ribadito la compagnia aerea – non ha lanciato un messaggio d’emergenza, non ha riferito di problemi all’aereo, non ha chiesto di poter effettuare un atterraggio d’emergenza‘.

La crisi della compagnia aerea Metrojet

Nella mattinata di oggi, alcune salme dei 224 cadaveri sono stati portati a San Pietroburgo, mentre un secondo aereo con altre salme verrà portato in Russia in serata.

Finora sono stati reperiti solo 12 pezzi del velivolo, mentre la coda dell’aereo si trova a circa 5 chilometri dall’aereo. La compagnia aerea Metrojet, si apprende da fonti russe, verserebbe in condizioni economiche critiche. Da alcuni mesi i dipendenti non ricevono gli stipendi, come ha riferito l’ispettorato del lavoro russo. Ma secondo gli inquirenti questo elemento non avrebbe in alcun modo influito sul disastro aereo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche