Disastro Germanwings: un pilota olandese aveva previsto il disastro 2 mesi fa - Notizie.it

Disastro Germanwings: un pilota olandese aveva previsto il disastro 2 mesi fa

Attualità

Disastro Germanwings: un pilota olandese aveva previsto il disastro 2 mesi fa

Un pilota olandese aveva avvertito due mesi fa che un incidente simile al disastro Germanwings nelle Alpi francesi sarebbe accaduto.

Jan Cocheret, che vola sul Boeing 777, ha detto che ci sono stati difetti intrinseci connessi con le misure di sicurezza messe in atto dopo il 9/11.

All’indomani del disastro alle Torri Gemelle, è stato deciso che il pilota o co-pilota dovevano essere in grado di bloccare le porte della cabina di guida dall’interno, nel caso in cui qualcuno cercasse di dirottare l’aereo.

Tuttavia, Cocheret avvertito che questo potrebbe anche mettere i passeggeri e l’equipaggio di aeromobili in pericolo.

Scrivendo nella pubblicazione specialista Piloot en Vliegtuig (Pilota e aereo), ha scritto:

‘Spero di non trovarmi in una situazione in cui vado in bagno e al mio ritorno trovo la porta della cabina di guida che non si apre.

‘Mi chiedo spesso chi sia davvero seduto accanto a me nella cabina di guida.

Come posso essere sicuro che posso fidarmi di lui? Forse qualcosa di terribile è appena accaduto nella sua vita e lui non è in grado di superarla.

‘Dovrebbe esserci un modo per tornare nella cabina di pilotaggio, ma se la persona all’interno disattiva questa opzione (il codice di sicurezza per entrare), non si può fare altro che sedersi con i passeggeri e aspettare la fine’

Questo descrive tragicamente quello che è successo la settimana scorsa quasi parola per parola.

Il co-pilota Andreas Lubitz aveva ripetutamente incoraggiato Patrick Sondenheimer per andare ai servizi igienici e lasciare la cabina.

Dopo di chè, Lubitz si chiuse nella cabina di guida e ha continuato a mandare in crash il piano contro le montagne, mentre Sondenheimer tentava in ogni modo di forzare la porta aperta.

Dopo aver sentito la tragedia, Jan Cocheret ha scritto su Facebook:

‘Purtroppo, questo terribile scenario è diventato realtà.’

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche