Discorso di fine anno

Guide

Discorso di fine anno

discorso di fine anno
discorso di fine anno

In Italia si ha l’abitudine di tenere il discorso di fine anno dal Presidente in carica. Quest’anno è stato tenuto dal presidente Mattarella.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo primo discorso di fine anno, ha confermato e migliorato le sue capacità comunicative. Non ha scelto come location per il discorso il suo studio presidenziale, né la sua scrivania, né qualcosa di prestigio, ma ha scelto una poltrona in un salotto con una stella di Natale e un camino. Una location all’interno del Quirinale per parlare alla gente. Il Presidente ha voluto connettersi ai telespettatori in un modo più colloquiale e si è indirizzato agli italiani, non ai politici, né tantomeno al Parlamento né ai partiti politici. Gli interlocutori del discorso di fine anno a cui si sono rivolti sono stati “miei cari cittadini” proprio come Mattarella li ha chiamati nella notte del 31 dicembre. Ha parlato francamente, come una persona che può vedere pregi e difetti delle persone, lati chiari e scuri, come il genio e la creatività, ma anche l’individualismo e la mancanza di senso civico.

E se c’è un tema principale di questo intervento, è senza dubbio la responsabilità individuale, in ogni settore. Parlando della lotta contro l’evasione fiscale – “che, secondo uno studio di Confindustria è pari a € 122 miliardi, pari a 7,5 punti del PIL, e se anche solo una parte di essi è venuto a galla ci sarebbero 300.000 nuovi posti di lavoro disponibili” – il Presidente ricorda la responsabilità degli autori, ma anche il danno per i cittadini e le imprese. Mattarella chiama gli italiani ad appropriarsi di comportamenti individuali per quanto riguarda il riciclaggio e la salvaguardia del territorio. Secondo il Presidente Mattarella, le donne sono sul podio, in particolare quattro di loro: nel passaggio sul terrorismo, ha ricordato Valeria Solesin, e nella parte finale del suo discorso, il Presidente ha presentato altre tre donne come modelli di comportamento per tutti gli italiani: sono Fabiola Gianotti (il direttore del CERN di Ginevra), Samantha Cristoforetti (la prima donna astronauta italiano) e Nicole Orlando (vincitore di quattro medaglie d’oro ai Giochi africani del mondo organizzati per le persone con la Sindrome di Down).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*