Disordini alimentari: quali sono le cause di anoressia e bulimia? COMMENTA  

Disordini alimentari: quali sono le cause di anoressia e bulimia? COMMENTA  

Quali sono le cause dei disordini alimentari; anoressia, bulimia, ecc? Tra le cause più probabili, vi è l’accettazioen del proprio corpo, l’immagine distorta che si ha di sè e del proprio corpo, il vedersi grasse, anche quando non lo si è. Le anoressiche non mangiano quasi nulla, fanno molto esercizio, sono molto magre ed emaciate, a differenza della bulimica, che mangia grandi quantità di cibo, vomitando e prendendo lassativi e diuretici. Le persone che hanno disturbi alimentari non credono di avere un problema. Ecco alcuni degli effetti che queste malattie comprotano: l’amenorrea, ovvero l’interruzione del cilco mestruale quando si smette di mangiare. Solitamente, in questi casi, la persona sviene, il suo metabolismo si abbassa e viene portata in ospedale. Le persone che soffrono di disturbi alimentari tendono a essere rigide nel valutare gli altri, si preoccupano maggiormente del pensiero altrui e tendono a chiudersi in sè stesse. Hanno un pensiero dicotomico, in cui le cose e le persone vengono percepite nel modo bene o male e temono di perdere il controllo del proprio corpo.


Le cause per queste malattie sono la non accettazione di sè, l’immagine distorta, il voler essere come le modelle e il non sentirsi accetatte. Le persone dovrebbero capire o provare una dieta che sia ragionevole, non a voler essere perfette. Per dimagrire vi sono programmi utili e un po’ di dieta e esercizio fisico, vi rimetterà in sesto.


Il trattamento:
non è facile lavorare, aiutare queste persone, perché molte negano di avere un problema. Spesso la terapia avviene lontano dalla famiglia e devono stare lontano da casa per molto tempo.

Spesso, la terapia famigliare è la soluzione ideale.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*