Distrugge la BMW davanti al Salone di Francoforte COMMENTA  

Distrugge la BMW davanti al Salone di Francoforte COMMENTA  

Un uomo è stato filmato mentre distruggeva la sua BMW del valore di più di 170,000$ con un martello usato dai fabbri fuori il Salone delle auto in Germania, a Francoforte, per protestare in seguito ai problemi meccanici.

Leggi anche: Come il wi-fi cambia i trasporti del futuro


Le riprese che sono state postate on line mostrano Hadi Pourmohseni e il suo amico prendere due martelli usati dai fabbri prima di posarli nella macchina fuori dal Salone di auto di Francoforte nella giornata di ieri.

Leggi anche: Le auto del futuro: caratteristiche e prezzi


Il S.gr Pourmohseni ha detto di aver comprato la BMW nel 2008 e ha detto che aveva problemi in seguito a strane vibrazioni causate dagli ingranaggi. Ha poi portato la BMW dal meccanico, ma dal momento che non poteva essere riparato, ha deciso di porre fine ai problemi della sua auto con un martello da fabbro.


“BMW Italia e la sede centrale di Monaco non hanno trovato dei veri e propri responsabili”, ha raccontato Pourmohensi alla Bild, il giornale tedesco.

“Ho scritto una lettera alla BMW, senza ricevere risposta, adesso passo ai fatti!”

Ha anche detto che avrebbe ripetuto la protesta davanti al Bundenstag a Berlino, il Parlamento nazionale tedesco, se i guasti non fossero stati riparati.

Leggi anche

fa
Guide

Shatush come si fa

Ormai chi non conosce lo shatush? Per chi ancora non lo sa, è una tecnica che crea sfumature naturali sui capelli in due fasi.Come si fa?Ecco come procedere Ormai lo shatush è una tecnica nota a tutti. Talmente in voga da essere ormai quasi fuori moda, lo shatush consiste nel creare sulla chioma delle schiarite con un effetto naturale. Più precisamente, la tecnica consiste nella decolorazione delle punte e della chioma inferiore per ottenere due colori in sintonia, che sfumano uno nell'altro. Dato che lo shatush arriva direttamente dalla California, ricorda un po' le sfumature dei capelli sotto i raggi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*