Divieto di fumo nei locali pubblici per le e-cig COMMENTA  

Divieto di fumo nei locali pubblici per le e-cig COMMENTA  

Aperta un’inchiesta sulle sigarette elettroniche dal pubblico ministero di Torino Raffaele Guariniello. Un importatore di sigarette elettroniche è stato indagato per il reato di “immissione in commercio di prodotti pericolosi”, sulla base dei sequestri effettuati dai Nas. Sulle confezioni non erano riportate informazioni circa gli eventuali danni alla salute dei fumatori.


Il magistrato torinese ritiene quindi che il divieto di fumare nei locali pubblici e nei bar debba valere anche per le sigarette digitali. In Cina, dove è stata prodotta la prima sigaretta elettronica, ora ne è vietata la vendita. Lo stesso avviene in Canada, in Australia, in Turchia. In attesa di validi studi scientifici, l’Istituto Superiore di Sanità ribadisce che sulle confezioni delle e-cig vengano riportati chiaramente quali sono i rischi per la salute dei fumatori.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*