Divorzio Berlusconi. Deciso tra Arcore e Macherio COMMENTA  

Divorzio Berlusconi. Deciso tra Arcore e Macherio COMMENTA  

Berlusconi apprende la notizia dalla stampa a Roma. Esce da palazzo Grazioli. I cronisti si avvicinano, ma Berlusconi fa solo un cenno di saluto con la mano senza fermarsi per parlare con loro. Quindi parte alla volta di Milano. Dove, peraltro si trova anche la moglie che, come è noto vive a Macherio (mentre Berlusconi ha la sua dimora alla villa di Arcore).

Ora si attendono gli sviluppi di questa vicenda privata che, inevitabilmente investe anche la sfera pubblica, e politica. Sono infatti pesanti le affermazioni di Veronica Lario che, dopo la vicenda della partecipazione del marito al compleanno della diciottenne Noemi a Casoria, vicino Napoli, esce allo scoperto criticando, tra l’altro, le giovanissime frequentazioni attribuite a Berlusconi. Dice anche di aver tentato di «aiutare» suo marito e di aver «implorato coloro che gli stanno accanto di fare altrettanto, come si farebbe con una persona che non sta bene. È stato inutile». Da qui la decisione che non contempla ripensamenti: «Dopo 30 anni chiudo il sipario sulla mia vita coniugale, ma voglio farlo da persona comune e perbene, senza clamore. Vorrei evitare lo scontro».

Il premier Silvio Berlusconi arriva nella sua residenza di Arcore, villa San Martino, nel primo pomeriggio. Secondo quanto si apprende, il suo elicottero atterra nella residenza verso le 13. Davanti villa San Martino c’è il solito presidio di due auto dei carabinieri. Dall’arrivo del premier si sono infilate nei cancelli della residenza alcune auto di rappresentanza. «È una vicenda personale che mi addolora, che rientra nella dimensione privata, e di cui mi pare doveroso non parlare»: è quanto dichiara il presidente del consiglio.

È da poco passata l’una quando l’elicottero di Silvio Berlusconi atterra nel parco di Villa San Martino. Maglione blu, pantaloni scuri, il presidente del Consiglio entra a passi veloci nell’antica residenza alla periferia di Arcore. Qui trascorrerà l’intera giornata ricevendo qualche visita. A pochi chilometri di distanza, c’è l’altra abitazione del premier, la villa di Macherio, dove vive la moglie Veronica. Anche qui totale silenzio. Davanti entrambe le case staziona una camionetta dei carabinieri. Ma la sorveglianza a villa San Martino con il passare delle ore aumenta. In realtà non ce ne sarebbe bisogno. Sotto il sole, lungo la siepe del parco ci sono due cronisti, due cameraman di una tv e un fotografo. Qualche curioso si ferma ogni tanto. «È inutile che stiate qui – dice ai giornalisti un agente delle forze dell’ordine – il presidente non ha alcuna intenzione di uscire per oggi». Alle 15.45 il cancello si spalanca ed esce un fuoristrada. Dietro la vettura compare il premier che, mentre il cancello si chiude, rivolge gesti di saluto verso i cronisti. Sembra sorridente e disteso come al solito. Passano le ore, a qualche centinaio di metri di distanza smontano le bancarelle della festa del paese. Se ne vanno anche mamme e bambini dal parco giochi proprio davanti alla villa. Si dirada il viavai di macchine, dentro e fuori la residenza. I carabinieri cambiano più volte il turno. Qualche passante si ferma ancora a chiedere notizie sul divorzio più famoso del momento. «Di sicuro – scherza un pensionato – non vedremo il premier qui davanti con la valigia in mano a cercare un posto dove andare».

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*