Documenti per seconde nozze comune di Roma

Guide

Documenti per seconde nozze comune di Roma

seconde nozze

La scelta delle seconde nozze è estremamente coraggiosa. Implica voltare le spalle al passato e ricominciare con un nuovo amore. Quindi i futuri sposi non si faranno spaventare nemmeno dalla conseguente burocrazia, che aumenta leggermente nel caso vogliano sposarsi a Roma non essendo residenti.

Nel caso del primo matrimonio, gli sposi novelli necessitano di un documento di identità valido (passaporto, carta di identità, patente) e di una marca da bollo del valore di 16 euro – due se non sono residenti a Roma. Diversamente, nel caso di un secondo matrimonio dovranno portare altri documenti che attestano come si è concluso il primo.

Nel caso di un divorzio, il Comune necessita della domanda di trascrizione della sentenza voluta dal Giudice, di una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in cui si dichiara l’assenza di processi giudiziari in corso, e l’originale, o una copia conforme, della sentenza di divorzio. Qualora ci si sia rivolti anche alla Sacra Rota, sarà necessario portare anche i documenti ricevuti al momento dell’annullamento.

Diversamente, nel caso in cui uno (o entrambi) dei nubendi sia vedovo, è necessario presentare all’ufficio matrimoni del Comune prescelto, l’atto di morte del coniuge e relativa fotocopia, che resterà al Comune. Per richiedere il certificato di morte è necessario rivolgersi al Tribunale del Comune dove è avvenuto il decesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...