‘Don’ Ventimiglia, migranti stanno da me. Settanta hanno così evitato sgombero COMMENTA  

‘Don’ Ventimiglia, migranti stanno da me. Settanta hanno così evitato sgombero COMMENTA  

Padre Francesco Marcoladi "Don Ventimiglia" parla alle telecamere
Padre Francesco Marcoladi "Don Ventimiglia" parla alle telecamere

In questi giorni caratterizzati dalla moria di centinaia e centinaia di migranti nei mari di fronte a Lampedusa, è arrivata notizia di un bel gesto di solidarietà compiuto da un prete ligure: “Don Ventimiglia”.

Il simpatico soprannome identifica Padre Francesco Marcoaldi, un Don della provincia di Imperia che, dopo avere avuto il lasciapassare del Vescovo, ha deciso di ospitare nella sua Parrocchia una settantina di migranti su cui grava un ordine di sgombero da parte delle Forze dell’Ordine liguri.

Leggi anche: Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti


<<Resteranno qui fino a quando non sarà trovata una soluzione a questo problema. Resteranno qui fino a quando è necessario>>. Queste le parole di Don Francesco ai media che sono accorsi a intervistare il carismatico salvatore.

Leggi anche: Treno carico di gas deraglia ed esplode, 5 morti e molti feriti


La settantina di migranti accolti generosamente dal Don erano accampati in un campo a Ventimiglia che è stato chiuso e sgombrato nei giorni scorsi, lasciando così uomini, donne e bambini sulle strade senza una dimora.


Il Don ha inoltre affermato di aver detto ai suoi ospiti di non opporre resistenza nel caso in cui si dovessero presentare le Forze dell’Ordine il cui intervento, per il momento, sembra non essere previsto.

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*