Donald Trump: McCain non è un eroe, si è fatto catturare COMMENTA  

Donald Trump: McCain non è un eroe, si è fatto catturare COMMENTA  

Donald Trump, fedele al suo usuale personaggio pubblico e, ancor più, a quello che si è scelto come candidato repubblicano alle primarie che precederanno le elezioni presidenziali USA vere e proprie (2016), si è concesso un’altra uscita a effetto.


Questa volta, però, se l’è presa con il soggetto sbagliato, almeno a giudicare dalle reazioni indignate della stampa e di parte dello stesso elettorato repubblicano.


Già, perché, questa volta, se l’è presa niente meno che con John McCain.

“Il senatore John McCain non è un eroe di guerra” ha dichiarato Donald Trump nel corso di un comizio in Iowa, “si può chiamare eroe qualcuno che è stato catturato? A me piacciono gli altri, quelli che non furono catturati”.

Apriti cielo. John McCain, cinque anni di prigionia in mano ai Vietcong, torture e isolamento, sempre fiero della sua uniforme e della sua bandiera, non si tocca. McCain incarna, a tutti gli effetti, l’eroe di guerra americano, il valoroso che combatte contro i nemici, perché il suo paese glielo chiede, e lui non sta a domandarsi se la guerra sia giusta o meno: ha una divisa, obbedisce e parte.


Per prima la platea in Iowa lo ha fischiato, e ora questa frase rischia di diventare una gaffe politica di portata tale da estromettere Trump dalla corsa alla Casa Bianca.

L'articolo prosegue subito dopo


La risposta verrà dai sondaggi, ma c’è chi è pronto a scommettere che Trump non sia finito. Del resto, sembrava già finito, e invece, nel giro di qualche settimana, si è trasformato nel candidato repubblicano numero uno alla presidenza USA.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*