Donald Trump: un piano in 10 punti contro l’immigrazione illegale

News

Donald Trump: un piano in 10 punti contro l’immigrazione illegale

Donald Trump: un piano in 10 punti contro l'immigrazione illegale
Donald Trump: un piano in 10 punti contro l'immigrazione illegale

In un forte discorso mercoledì sera a Phoenix, il candidato repubblicano Donald Trump ha spiegato in 10 punti il suo piano per bloccare i confini degli Stati Uniti.

Dopo una breve parentesi diplomatica in Messico mercoledì, dove è apparso sorprendentemente aperto alle preoccupazioni del vicino Sud, Donald Trump è ripassato di nuovo all’offensiva durante un discorso particolarmente duro sull’immigrazione.

Davanti a una platea di sostenitori super eccitati a Phoenix (Arizona), il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha criticato la politica di “frontiere aperte” portata avanti, secondo lui, dal tandem Barack Obama e Hillary Clinton – che costerebbe 113 miliardi di dollari all’anno al paese – prima di presentare un piano dettagliato in dieci punti che incarna la promessa di far passare “l’America innanzitutto”.

1. “Noi costruiremo un grande muro, alto, impenetrabile, magnifico“, dotato di cerniere sotterranee, di torri di sorveglianza, e “il Messico lo pagherà al 100 %. Loro non lo sanno ancora, ma pagheranno” per la sua costruzione, ha detto Donald Trump.

Un modo per risolvere l’ambiguità creata poche ore prima al palazzo presidenziale di Los Pinos, dove non aveva parlato del “finanziamento del muro” con il suo ospite Enrique Peña Nieto. Quest’ultimo ha affermato poco dopo in un tweet che aveva già ribadito a Trump il rifiuto di pagare per il muro.

2. I clandestini non saranno lasciati in libertà, ma detenuti fino al loro rinvio nel paese di origine. E coloro che saranno espulsi non saranno condotti fino all’altro lato del confine, ma “a grandi distanze”.

3. Tolleranza zero per gli stranieri autori di crimini. Questi sono tantissimi nel piano di Trump, che stima il numero pari a 2 milioni (statistiche ufficiali parlano di 700.000). “Dalla mia prima ora nello Studio Ovale, queste persone sono fuori!, accende la tribuna di applausi e urrà. Chiamatela deportazione se volete!Al di là dei criminali individuati, qualsiasi trasgressore senza documenti sarà arrestato”. Il personale dell’Agenzia delle Dogane e dell’Immigrazione (ICE) incaricato di espulsioni sarà triplicato.

Una “task force” verrà creata all’interno della ICE per organizzare “le deportazioni di coloro che sono sfuggiti alla giustizia” (“possono essere in grado di espellere anche Hillary Clinton!” dice il candidato). La polizia di frontiera sarà dotata di nuove antenne e 5.000 agenti supplementari. I programmi di cooperazione con le forze di polizia locali (chiamati “287-G”) saranno riattivati, e le “comunità di alta sicurezza” (comunità circondate da cancelli) supportate. Saranno emanate numerose leggi per aumentare pene minime per i criminali recidivi.

4. Bloccare i fondi federali per alcune città. Dall’inizio degli anni ‘80, una trentina di metropoli americane hanno avuto una politica di non controllare lo status giuridico dei loro abitanti : “più soldi dei contribuenti per quelle che rifiutano di collaborare”, dice Trump.

5. Applicare tutte le leggi in materia di immigrazione, annullare i decreti presidenziali di Barack Obama, che secondo il repubblicano, avrebbe concesso l’amnistia a 5 milioni di clandestini.

Quelli che restano anche con il visto scaduto o che vivono di aiuti sociali” saranno aggiunti alla lista degli espulsi.

6. Rigidità “estrema” nella politica dei visti. Non sarà più rilasciato alcun permesso per entrare negli Stati Uniti nelle regioni e nei paesi dove il controllo adeguato non può essere realizzato“, iniziando dalla Siria e dalla Libia. Una “Certificazione ideologica” sarà richiesta per ottenere un visto. Gli Stati Uniti smetteranno di accogliere i rifugiati: “per il prezzo del trasporto di un rifugiato qui se ne possono stabilire dodici al posto di uno in zone sicure pagati dai paesi del Golfo” incalza Trump .

7. Assicurarsi che i paesi di origine riprendano i loro cittadini: 23 Stati membri li rifiutano, ha detto che il pretendente alla Casa Bianca, portando gli Stati Uniti a mantenere 13.000 criminali stranieri tra il 2008 e il 2013.

8. Completare il sistema biometrico di monitoraggio degli ingressi e delle uscite nel territorio “su terra, mare e aria”. L’anno scorso, 500.000 persone sarebbero rimaste anche dopo la scadenza del visto. La metà dei clandestini si stabilirebbero in questo modo.

E ‘una priorità assoluta: se non abbiamo più confini, abbiamo più paesi“, ha detto Trump.

9. Disinnescare l’attrazione di posti di lavoro e benefici sociali. Più aiuti alimentari o più assistenza abitativa: coloro che ne beneficiano diventano “prioritari per la partenza.”

10. Una riforma di immigrazione legale “per proteggere i lavoratori americani.” “Abbiamo il diritto di selezionare gli immigrati che soddisfano i nostri interessi nazionali, selezionarli con cura per i loro meriti, talenti, competenze e per la loro capacità di sostenersi da soli“.

Questo programma, del quale l’entourage di Trump ritiene che è sua opera personale, non menziona esplicitamente l’espulsione sistematica di circa 11 milioni di clandestini, ritenuti di vivere nel territorio. Tuttavia escludequalsiasi amnistia” che è sufficiente per mettere in discussione l’idea di un’America “terra d’accoglienza”. “In diversi anni, quando avremo messo fine all’immigrazione clandestina e le circostanze ci sembreranno favorevoli“, ha detto il candidato, sarà possibile un percorso di legalizzazione per coloro che sono sfuggiti al suo piano.

In conclusione, Donald Trump chiama in causa una dozzina di “Madri degli angeli“, i cui figli sono stati uccisi da immigrati clandestini scampati all’espulsione o che sono riusciti ad attraversa confine.

Le vittime della politica di Obama e di Clinton” tutte decise di votare Trump.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...