Donna costretta a partorire per strada, la foto choc COMMENTA  

Donna costretta a partorire per strada, la foto choc COMMENTA  

Si era presentata in ospedale con tutti i sintomi che precedono un parto imminente ma, per ragioni da chiarire, ha partorito fuori dalla clinica, in strada e la nascita è stata immortalata con una foto che sta facendo il giro del web, suscitando polemiche e indignazione. E’ accaduto in Messico, nell’ospedale di Oaxaca, dove la donna, Irma Lopez Aurelio di 28 anni si era recata, dopo essersi svegliata, all’alba del 2 ottobre, in preda a forti contrazioni. Si è recata insieme al marito nella città di San Felipe Jalapa de Diaz, dove ha sede il più vicino centro sanitario, arrivando nella struttura completamente dilatata e dopo aver rotto le acque.


Sembra però che dopo averla visitata, il personale l’abbia mandata via dall’ospedale poichè in seguito a uno sciopero erano presenti pochi medici. La coppia che non parla spagnolo, ha capito la parola ‘no’ e, dopo un continuo avanti e indietro dentro e fuori dall’ospedale, la donna è crollata a terra nel giardino accanto all’ospedale e qui ha iniziato a spingere. E’ li che è nato il suo terzo figlio: al parto hanno assistito anche alcune persone di una vicina residenza che hanno sentito le urla e si sono affacciate alla finestra. Gli ultimi secondi del parto, quando il cordone ombelicale era ancora attaccato al bimbo, sono stati immortalati da un uomo che attendeva di essere visitato.


Solo a quel punto i medici sarebbero intervenuti assistendo la donna e il neonato. Sulla vicenda si sta indagando anche se stando a quanto dichiarato da un funzionario di Oaxaca, tutto sarebbe nato in seguito a un’incomprensione linguistica.

L’equipe medica avrebbe detto alla Lopez e al marito di aspettare fuori mentre il personale preparava la sala parto per la nascita. “Quando sono andati a cercarla non l’hanno più trovata“, ha detto il portavoce Tenorio ad una tv locale.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*