Donne Pericolose nella Letteratura Classica Antica - Notizie.it
Donne Pericolose nella Letteratura Classica Antica
Guide

Donne Pericolose nella Letteratura Classica Antica

Secondo la letteratura classica, le donne sono pericolose. Se non sono coscienti che inavvertitamente causano la vostra distruzione (la causa della guerra di Troia, per esempio), allora lo stanno facendo apposta. La letteratura classica è piena di storie di uomini che hanno avuto a che fare con queste donne temibili. Le loro storie sono le tragedie che hanno fatto gli antichi Greci pregare con fervore prima di intraprendere qualsiasi attività che coinvolgesse le donne.

Artemide e Atteone:

Come dea della caccia (del parto, della fertilità, di foreste e colline), Artemis si vantava di essere una vergine. Andava in giro per i boschi cacciando e aiutando le donne in difficoltà. Un giorno dopo la caccia, va a fare il bagno in un laghetto, durante il quale, un cacciatore, il grande principe Atteone tovandosi nella zona sente la voce della donna provenire dallo specchio d’acqua. Essendo un uomo, Atteone, sa cosa significa quella scena, lei stava facendosi un bagno e presumibilmente era nuda, così postosi dietro un albero, cercò di vedere meglio senza farsi scoprire.

Spiare una dea non è mai una buona idea, e quando fu scoperto, Artemide si infuriò. Atteone venne trasformato in un cervo e Artemide gli mandò dietro i suoi cani. Alla fine lo catturarono e lo fecero a pezzi. Un’altra versione dice che Atteone si vantava di essere un cacciatore migliore di lei. Vantarsi di qualcosa davanti ad una dea è una cattiva idea, e così Artemide lo trasforma in un cervo. In entrambi i casi non si scherza con le dee, sia sbirciando le loro nudità che vantandosi sulle proprie virtù.

Minerva e Aracne:

La prova che non c’è bisogno di essere un ragazzo per essere stupido nel vantarsi, è la triste storia di Aracne (nella foto). Aracne era la figlia di un tintore di lana ed era famosa in lungo e in largo per la sua abilità nella tessitura. Così famosa che si è sentita importante e si vantava di quanto fosse in gamba.

La sua vanteria raggiunse presto Minerva, la dea dell’artigianato, che qualche mortale si esisteva pari agli dei. Minerva ebbe un colloquio con Aracne, ma la donna testarda si rifiutò di riconoscere che lei doveva la sua capacità a Minerva. Minerva chiese un concorso di tessitura. Alla fine Aracne aveva tessuto un arazzo così meraviglioso che anche Minerva non aveva potuto trovare alcuna imperfezione. Solo perché è possibile eseguire qualcosa di migliore la tua parola non ti rende immune dall’ira di una dea, così l’arazzo di Aracne fu distrutto, così come il suo telaio, e poi Aracne fu trasformata in un ragno.

Scilla e Cariddi:

A volte vale la pena di essere familiare. Scilla era una ninfa bellissima. Un dio del mare di basso rango, Glauco, si innamorò di lei, ma lei scappava sempre appena lo vedeva (dopo tutto, era solo un dio minore). Glauco andò a vedere Circe, una maga, per ottenere un filtro d’amore, ma poi fu Circe a innamorarsi di Glauco.

Glauco non poteva fare a meno di amare la bella ninfa, non provava amore per Circe così lei trasformò Scilla in un gigante mostro marino con dodici piedi e sei teste, il cui unico scopo nella vita era quello di strappare sei marinai da ogni nave che le capitava a tiro.

Cariddi era una naiade e figlia di Poseidone. Secondo la leggenda, Poseidone e Zeus erano sempre in lotta su chi fosse tra loro il dio superiore. Cariddi lealmente stava con suo padre, aiutandolo, per quanto possibile. Impossibilitato nel prendersela con suo fratello, Zeus si vendica su Cariddi e la trasforma in una creatura marina che affonda le navi tre volte al giorno.

Insieme, Scilla e Cariddi formano un tandem pericoloso attraverso lo stretto che i marinai, tra cui Odisseo, devono navigare. Nessuno gli sfugge completamente. Una vita tragica per una bellezza e una figlia fedele.

Le baccanti (o Menadi):

Come se le dee non fossero già abbastanza pericolose, anche le Baccanti possono essere riconosciute come donne letali.

Queste donne sono seguaci del dio Dioniso, il dio del vino (e quindi un dio della follia che arriva quando si fa un largo consumo di vino). Dioniso si aggira da un posto all’altro, ispirando i suoi rituali e il loro comportamento, che può arrivare ad una passione selvaggia, spesso se portata al limite, esse strappano a brandelli i corpi degli amanti. Nel racconto più famoso, “Le Baccanti” di Euripide, Dioniso arriva a Tebe per impostare la storia della sua nascita. Incapace di uccidere Zeus, la persona che realmente uccise sua madre, Dioniso vuole avere vendetta nella metà mortale della sua famiglia, con l’aiuto delle Menadi (Baccanti). In lungo e in largo, Dioniso fa sì che le donne di Tebe corrano nella foresta in cerca della sua protezione dai pericoli. Quando Penteo, re di Tebe e suo cugino mortale, è finalmente indotto a entrare nei boschi, partecipare a queste sessioni di passione selvaggia.

Dioniso dice alle Menadi di sedurlo. E tra le baccanti c’è Agave, la madre di Penteo. Penteo è quindi ridotto a brandelli da parte delle donne, compresa la sua stessa madre.

Naturalmente, le Menadi non solo fanno questo a Penteo. Esse sono note per strappare a mani nude, animali, uomini, e anche bambini nei loro momenti di selvaggia passione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*