Dormire con il partner: ecco le posizioni giuste-sbagliate COMMENTA  

Dormire con il partner: ecco le posizioni giuste-sbagliate COMMENTA  

Condividere il letto con la persona amata è una cosa dolcissima che assicura benessere sia fisico che psicologico: se però non si assumono le giuste posizioni si corre il rischio di dormire scomodi o di darsi fastidio reciprocamente. Potrebbe anche verificarsi l’eventualità di provocare il soffocamento del partner con una manovra sbagliata durante il sonno! Se si condivide lo spazio notturno con il partner è necessario conoscere quali sono le posizioni meno rischiose e quelle invece da evitare assolutamente.

  • Toccarsi a malapena- Fuggitivo: per molti può bastare un semplice contatto, ad esempio una mano, per sentirsi vicini durante la notte. Chi invece preferisce buttarsi letteralmente tra le braccia del fidanzato anche a letto potrebbe avere seri problemi a dormire comodamente;
  • Fusione-Serpente: chi predilige lo stare abbracciato al partner dovrebbe stare molto attento a dove posiziona le mani, in quanto ci si può ritrovare con queste puntate sul viso del partner (che ovviamente potrebbe non gradire);
  • Triangolo-seccatore peloso: questa situazione è tipica di chi ha un gatto in casa che abbia l’abitudine di salire sul letto e dormire con voi.

    Se rimane ai piedi del letto ok, ma se dovesse avvicinarsi alla testa non è l’ideale, poiché si respirerebbero un sacco di peli durante la notte;

  • Angolo-Presa al collo: Stendersi al fianco del partner poggiando la testa sul suo petto è una posizione ok.

    Se poi l’uomo sbaglia a posizionare il braccio il rischio soffocamento si alza parecchio, il che non è per nulla piacevole;

  • Cucchiaio-Medusa: attenzione a non creare confusione tra queste due posizioni all’apparenza simili ma in realtà diverse.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Lui si accoccola abbracciando la donna da dietro, ma lei dovrà stare bene attenta a dove posiziona i capelli, che potrebbero provocare uno spiacevole “effetto medusa”.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*