Dottore mostro: addormenta una paziente per abusare di lei

dottore mostro

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio: ma quando il ‘mostro’ è un dottore, lo shock può essere davvero grande. La vicenda arriva da New York dove un medico di 25 anni, David Newman, è finito in manette dopo essere stato accusato da una sua paziente di averla sedata per poi abusare di lei. La giovane di 22 anni, si sarebbe recata in ospedale con forti dolori alla spalla e, stando a quanto riportato sul Daily News, sarebbe stata accolta dalle infermiere che, dopo averle somministrato della morfina, l’avrebbero fatta spogliare in attesa di una radiografia.

Leggi anche: Il latitante estremista Marco Affatigato arrestato in Francia


In un secondo momento sarebbe intervenuto il medico che dopo averle somministrato un’ulteriore dose di morfina, avrebbe avusato di lei masturbandosi ed eiaculandole addosso.

Leggi anche: Arrestato il fidanzato di Geri Halliwell per possesso di cocaina

La giovane era stordita e non ha potuto far nulla pur essendo cosciente e consapevole; ha denunciato il giovane medico sottolineando che le avrebbe anche toccato ripetutamente i seni e a riprova dell’orrore subito avrebbe portato alla polizia lo sperma.

Le forze dell’ordine hanno così deciso di arrestare il dottore.

Leggi anche

terremoto-stretto-di-messina
Cronaca

Tre terremoti consecutivi nello Stretto di Messina, ponte sicuro o opera rischiosa?

Tre scosse di terremoto consecutive e ravvicinate sono state registrate poco fa dai sismografi dell'Ingv nello Stretto di Messina. Si è trattato di terremoti lievi, di magnitudo 2.3, 2.1 e 2.2 ma il fatto che siano avvenuti a distanza di pochi minuti, dalle 19:14 alle 19:17, è meritevole di attenzione. Si è trattato di sismi superficiali, con ipocentro compreso tra i 9,5 e i 10,9 chilometri, avvenuti in mare aperto, e che non sono stati avvertiti sulla terraferma. Epicentro delle scosse è stato individuato a meno di 10 chilometri da Motta San Giovanni e Reggio di Calabria. Un episodio comunque Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*