Dove alloggiare a Mosca - Notizie.it

Dove alloggiare a Mosca

Guide

Dove alloggiare a Mosca

Baltschug Kempinski
Ul Balchug 1, Mosca (00 7 495 287 2000)
Dall’altra parte del fiume dalla Piazza Rossa, con una splendida vista dalle camere, un hotel di prima classe. La sua lista di star comprende David Bowie e Michael Jackson.

Golden Apple
Malaya Dmitrovka 11, Mosca (00 7 495 980 7000)
Il prezzo del soggiorno in città è difficile da digerire, ma questo è uno dei pochi luoghi in cui i tassi possono probabilmente essere giustificati. A cinque minuti da Piazza Pushkinskaya (la Piccadilly Circus di Mosca), è molto ben situato per scoprire la città.

Hilton Moscow Leningradskaya
Kalanchevskaya 21/40, Mosca (00 7 495 627 5550)
Il fascino della Leningradskaya – che occupa una delle cosiddette ‘Sette Sorelle’ o ‘grattacieli di Stalin’ – risiede nella sua ricca storia e imponente architettura. Costruito nel 1954 come un hotel di fascia alta, ha subito un restauro squisito. Una discreta seppur piccola piscina e la palestra sono nel seminterrato.

L’hotel originale aveva 350 stanze, il nuovo Hilton ne ha appena 273. Vicino a tre stazioni ferroviarie principali, è utile per il treno notturno per St Petersburg.

Hotel Budapest
2/18 Petrovskie Linii (00 7 495 925 3050)
Questo hotel si trova su una tranquilla strada laterale nel centro di Mosca, a pochi passi da molte delle attrazioni principali. L’atmosfera è rilassata e intima con un sapore distinto. Ci sono 116 camere luminose e con soffitti alti con Smart, decorazioni tradizionali e arredi misti di qualità, un bar nella hall.

Hotel Metropol
Teatralny Proezd 2, Mosca (00 7 499 501 7800)
Il Metropol ha una posizione invidiabile, di fronte alla Piazza Rossa e il Bolshoi e vicino al grande magazzino GUM. Immerso nella storia, l’atmosfera è vecchio stile russo, nonostante un restyling, con vasti saloni echoey. Ci sono 365 camere e suite. Il ristorante signorile Metropol, con il suo soffitto a 20 metri di altezza in vetro colorato e la fontana centrale, è stato uno dei preferiti di Kim Philby nel 1960.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*