Dream Theater: le canzoni più famose COMMENTA  

Dream Theater: le canzoni più famose COMMENTA  

Ecco quali sono le canzoni più famose dei Dream Theater, la band metal progressive che ha venduto 10 milioni di dischi.

Se stai cercando un elenco delle canzoni più belle dei Dream Theater in questo articolo ti daremo conto delle pietre miliari della discografia di questa band musicale che produce ormai da 32 anni musica progressive metal molto apprezzata in tutto il mondo. Il nome originario dei Dream Theater era Majesty e fu fondato a Boston nel lontano 1985 da John Petrucci, Mike Pornoy e John Myung. Nel 2009 il suo chitarrista e fondatore John Petrucci ha ricevuto il premio come secondo miglior chitarrista metal di sempre. Oltre a questo alloro i componenti della band metal sono stati insigniti di tantissimi premi a conferma della qualità dello loro musica capace di vendere oltre 10 milioni di dischi in tutto il mondo.

Uno dei brani più apprezzati della band si intitola Scarred (che tradotto in italiano significa cicatrice). Il brano che dura circa 11 minuti, è inserito all’interno dell’Lp Awake prodotto dalla band americana nel 1994.

Fra i brani certamente più apprezzati dalla critica e dai fan non si possono non menzionare A rite of a passage, The Spirit Carries on, Another Day, Octavarium, Stargazer e As I am. Brani che fanno parte fissa nella scaletta dei concerti delle band e che hanno consentito alla band di scalare le classifiche delle hit parade di tutto il mondo.


Coloro che amano il genere metal e vorrebbero addentrarsi all’interno della discografia dei Dream Theater potrebbero apprezzare altri brani di grande appeal come Forsaken, Endless Sacrifice, A change of a season, Pull me under, Finally Free e Metropolis pt 1.

Tutti brani che incarnano perfettamente la loro tradizione musicale dove il metal si fonde con la loro vena artistica ispirata all’opera. Tratti originali della loro musica che li rendono perfettamente riconoscibili da parte degli intenditori del genere.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*