Violento terremoto scuote il Giappone: 29 morti COMMENTA  

Violento terremoto scuote il Giappone: 29 morti COMMENTA  

Due forti scosse di terremoto scuotono il Giappone: 29 morti

Un forte terremoto hanno causato la morte di 29 persone in Giappone, mille i feriti.

Già ieri mattina l’Italia si è svegliata con la notizia di un forte terremoto in Giappone, ma le prime informazioni confermavano la morte di nove persone, oltre a numerosi feriti. Il sisma più forte, di magnitudo 6.5, si è verificato nella zona sud-ovest del Giappone, e in particolare nella zona di Kumamoto e nell’isola di Kyushu centinaia di persone sono state fatte evacuare, rimaste senza una casa.


La seconda scossa è stata di magnitudo 7.3, dopo oltre un giorno dalla prima. Ma nel corso di quelle ore ci sono state più di un centinaio di scosse, meno forti. In totale, sono 29 le persone rimaste uccise dai crolli degli edifici, mentre gli sfollati e i feriti sono qualche migliaio. Le scosse sono avvenute a una profondità di 12 chilometri, e per questo motivo hanno causato tali danni.


La città più colpita è Mashiki, che si trova ai piedi del monte Aso, il quale ha eruttato diverse volte ma senza creare problemi seri. Era stato lanciato anche un allarme tsunami, ma è rientrato dopo poche ore.

Si contano 200.000 abitazioni senza energia e acqua, il crollo di un ponte che collega il villaggio di Aso e la chiusura dell’aeroporto di Kumamoto per alcuni problemi al tetto, dovuti alla scossa di terremoto.

L'articolo prosegue subito dopo

Queste scosse sono le più forti che il Giappone avesse mai sperimentato, comparabili a quelle del 1995. Per il momento, i soccorsi stanno rimuovendo le macerie per ritrovare i dispersi, che sono ancora centinaia, mentre l’Autorità per il nucleare ha rassicurato che non ci sono problemi per quanto riguarda le centrali.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*