Dura lex sed lex

Economia

Dura lex sed lex

nullChi potrebbe negare che l’Italia vive una seria emergenza carceraria? Non solo, infatti, i detenuti delle patrie galere sono 68 mila a fronte di una capienza di 45mila, ma gli istituti di pena sono in alcuni casi totalmente inadeguati, varie inchieste giornalistiche e l’opera incessante di sensibilizzazione da parte dei radicali hanno fatto emergere situazioni di degrado e sporcizia che vanno ben al di là di quanto un paese civile possa permettersi.
Professore ci regali un’emozione
Il governo Monti nasce da due diverse pressioni: un interna al sistema politico e l’altra esterna, di natura internazionale.
La spinta più forte, quella che ha fatto catalizzare il consenso sui un governo nuovo e tecnico, di esperti, è venuta dall’esterno.
Dalla crisi economica, dalla sfiducia dei mercati, dall’offuscamento della nostra immagine. E quindi dalla nostra debolezza in ambiti decisionali cruciali dell’unione europea e degli organismi internazionali.
La pressione esterna non deriva solo da una disistima per il profilo buffonesco di Berlusconi, originava dalla inettitudine e dall’ignavia del governo di fronte alla crisi.

Un atteggiamento che ben si riassumeva nell’inconcludente filosofeggiare di Tremonti e nelle battute da bar del presidente del consiglio s ristoranti pieni et similia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche