Durante Omelia il Vescovo Antonio Staglianò canta COMMENTA  

Durante Omelia il Vescovo Antonio Staglianò canta COMMENTA  

Ecco la nuova star del web il Monsignor Antonio Staglianò che durante una sua predica accenna le canzoni di Mengoni e Noemi che sono due degli artisti più amati dai giovani. Il Vescovo Scaglianò dice che lui canta le canzoni in quanto cantando le cose ed i concetti si capiscono meglio. Dopo la sua Omelia è diventato una vera e propria star del web e non solo infatti di lui parlano social network e radio. Pare secondo alcuni fedeli che questa non sia la sua prima performance in quanto durante le sue celebrazioni egli fa questo tipo di fuori programma per attirare l’attenzione dei fedeli anche quelli più giovani, questa volta c’è stato qualche fedele che lo ha ripreso mentre faceva la sua omelia e quindi il Vescovo è finito su You Tube.


Monsignor Antonio Staglianò ha preso spunto dalla canzone “Vuoto a Perdere” di Noemi dove ha redarguito i giovani dicendogli di ritrovare loro stessi e di non seguire sempre le mode e pensare ciò che la gente pensa, in quanto oggi si guardano solo i soldi e non il cuore. Poco dopo la canzone di Noemi il Vescovo ha preso anche spunto dalla canzone di Mengoni “Guerriero” e “Esseri Umani” che appunto sono due canzoni che lo aiutano molto a sostenere le affermazioni appena fatte. In quanto egli aveva detto che la parola amore può diventare una parola stupida se non la si riempie con il cuore.


Ovviamente alla fine di questa fantastica omelia il Vescovo Antonio Staglianò dice che le sue citazioni sono per lo scopo pastorale. Il Vescovo rivolgendosi ai fedeli gli dice che per far capire le cose deve citare versi di canzoni conosciute altrimenti si perde l’attenzione e non si capisce nulla.

Il Vescovo afferma che cantando le cose si capiscono meglio. Ed appunto citando una canzone di Mengoni, scherzando si rivolge ai fedeli dicendo che Mengoni ruba le parole delle sue prediche e che nessuno si era accorto di questo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*