Dylan Farrow: Woody Allen mi violentò a sette anni COMMENTA  

Dylan Farrow: Woody Allen mi violentò a sette anni COMMENTA  

Mia-Farrow-e-Woody-Allen-con-Satchel-Ronan-e-Dylan-nel-1988_main_image_object

Sconcertante rivelazione di Dylan Farrow, figlia di Mia Farrow, oggi ventisettenne. In una lettera indirizzata al New York Times la ragazza racconta la violenza sessuale ricevuta dal suo patrigno Woody Allen, affermato regista settantatreenne. “Quando avevo sette anni, il mio patrigno mi prese per mano, mi portò in una stanza, mi disse di stendermi e di giocare con il trenino di mio fratello. Poi abusò sessualmente di me, sussurrandomi che ero una brava ragazza, che era il nostro segreto, promettendomi che sarei andata con lui a Parigi e sarei stata una star nei suoi film”, scrive Dylan.

Leggi anche: Fiordaliso choc: mio marito mi picchiava


Il fratello di Dylan, in occasione della vittoria del Golden Globe alla carriera da parte di Woody Allen, aveva scritto un tweet pieno di indignazione. Non è la prima volta, infatti, che Dylan Farrow racconta gli abusi subiti dal regista, lo ha già fatto nel lontano 1992. Anche Mia Farrow ha twittato un commento al vetriolo nei confronti di Allen, anche se in forma più velata. Il regista ha sempre respinto le accuse.

Leggi anche: Desirèe Popper: “Ero fidanzata quando sono entrata al Grande Fratello, è finita per Alessandro”


 

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*