E adesso sotto coi rinforzi di gennaio

Inter

E adesso sotto coi rinforzi di gennaio

La partita col Lecce, ha messo in mostra una Inter che in pochi si aspettavano. Dopo la versione sparagnina delle ultime gare, coi salentini Ranieri ha presentato una squadra in grado di produrre una grande mole di gioco, nella quale, almeno per una volta, i ruoli si sono ribaltati: mentre la difesa denotava grandi difficoltà di fronte alle rapide avanzate degli avanti leccesi, soprattutto del promettente Muriel, centrocampo e attacco cominciavano a costruire azioni su azioni. E solo la sfortuna, sotto la veste di quattro pali, ha impedito a Zanetti e compagni di chiudere con un risultato pingue già la prima parte della gara. Quando poi Nagatomo ha cominciato a sfondare a ripetizione sulla sinistra e a rifornire di assist i suoi compagni, per la squadra di Cosmi si è fatta notte fonda, con ovvia produzione di un risultato cui ormai i tifosi interisti non erano più abituati.
La quinta vittoria nelle ultime sei gare disputate, ripropone una Inter più in linea con le ambizioni di inizio stagione e con il suo blasone, anche se la distanza dalla zona di vertice, ove solo la Lazio sta frenando, rimane abbastanza cospicua.

In considerazione della lunghezza del torneo, che non è ancora arrivato alla sua parte discendente, spazio per un eventuale recupero sembra esserci, anche perché in molti in casa Inter, hanno ancora negli occhi la spettacolare rimonta operata dalla Roma, allora allenata da Ranieri, proprio nei confronti dei nerazzurri non più tardi di due anni fa. Per poter soffiare in maniera prepotente sulle vele delle riscossa, il tecnico romano avrebbe però bisogno di qualche rinforzo mirato, come del resto espressamente richiesto a Moratti. Soprattutto in mezzo al campo e in avanti, necessita qualche modifica che possa ovviare alla crisi di uomini come Milito e Pazzini e alla età ormai avanzata di molti uomini del centrocampo. Il Fair Play finanziario cui anche l’Inter si sta sottoponendo, impedisce forse grandi voli di fantasia, ma è anche vero che risorse cospicue potrebbero arrivare dalla cessione di Snejider e da quelle di uomini che hanno ingaggi molto elevati e che ormai non servono più alla causa.

Qualora ciò avvenisse e Moratti facesse un regalo di Natale alla tifoseria, sotto forma magari di un Lucas o altro giocatore di grande spessore, i rapporti di forza disegnati dalla classifica in questa parte di torneo, potrebbero essere ancora ribaltati, smentendo chi aveva dato l’Inter spacciata già a novembre.

Massimo Moratti
Massimo Moratti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...