E dopo i 10 comandamenti..i 10 saggi di Napolitano! COMMENTA  

E dopo i 10 comandamenti..i 10 saggi di Napolitano! COMMENTA  

Dieci nomi, dieci uomini incaricati di fungere da facilitatori e non di «indicare un tipo di governo».

Viene quasi spontaneo fare un parallelismo… i 10 saggi come i 10 comandamenti!

Forse per raddrizzare questo nostro povero paese servirebbero proprio dei comandamenti scritti col fuoco sulle tavole della legge date da Dio …..Qualunque altro rimedio sarebbe troppo poco.

La prima cosa che mi viene da pensare, anzi che mi viene da sperare e che questi cosiddetti saggi abbiano ben chiari ( prima di fare qualsivoglia proposta!) i più noti comandamenti “non dire falsa testimonianza” e “non rubare”..

Leggi anche: Giornata mondiale contro l’AIDS: quasi 4000 casi nel 2015

In Di questi tempi..già sarebbe molto!

Ma chi sono questi saggi e quali nuovi comandamenti potrebbero proporre?

Vediamoli!

Valerio Onida. Superiore della Magistratura, professore di Diritto Costituzionale, giudice, Presidente della Corte Costituzionale: e qui ci aspetteremmo un utilissimo “Rispettate il diritto!”

Mario Mauro.

Leggi anche: ISTAT: in Italia una persona su quattro è a rischio povertà

Laureato in Filosofia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano,vicepresidente del Parlamento Europeo dal 2004 al 2009. Quale particolare saggezza avrebbe?No comment!

Gaetano Quagliariello.

Secondo firmatario del ddl sul processo breve ed estensore insieme a Roberto Formigoni, di una lettera aperta ai cattolici italiani per chiedere loro di sospendere ogni giudizio morale nei confronti di Silvio Berlusconi, indagato per concussione e prostituzione minorile: e da questo signore cosa ti vuoi aspettare? .. neppure ci doveva stare tra i saggi! No comment!

Luciano Violante.

L'articolo prosegue subito dopo

Interrogato dalla Procura di Palermo nell’ambito della trattativa Stato-mafia. Famoso il suo discorso alla Camera del 2003, in cui ricordò che la sinistra italiana non fece la legge sul conflitto d’interessi e non dichiarò ineleggibile Berlusconi: altro no comment!

Enrico Giovannini, professore ordinario di Statistica Economica, ex membro dell’OCSE, nel ruolo di Chief Statistician e Director of the Statistic Directorate, dal 2001: e qui ci aspetteremmo “Pagate tutti le tasse!”

Giovanni Pitruzzella, professore ordinario di Diritto Costituzionale, docente nella Scuola di specializzazione in Diritto europeo. Esperto nel diritto degli appalti pubblici, in giustizia costituzionale, nel diritto pubblico regionale e dell’economia. Ecco il possibile comandamento “Osservate le norme comunitarie rispettando però la nostra costituzione!”

Salvatore Rossi, è vice direttore generale della Banca d’Italia, membro del direttorio integrato dell’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni; e da questo saggio mi aspetto un “Non Truffate!

Giancarlo Giorgetti. Laureato in Economia, exsottosegretario alle infrastrutture e ai trasporti. Nel 2001 è stato il principale promotore della legge 40 (varata nel 2004) sulla procreazione medicalmente assistita; avete avuto modo di leggerla?Direi che il promotore di una legge simile certo saggio non è!

Filippo Bubbico, è presidente della Commissione permanente per l’Industria, il Commercio e il Turismo. Ha recentemente messo in guardia dal pensare che il “comitato dei saggi”, di cui fa parte egli stesso, possa risolvere quei problemi la cui sistemazione compete – in ultima istanza – ai partiti stessi. Non crede neppure lui nel ruolo che gli hanno imposto! E dovremmo crederci noi? Ma che saggio è?

E da ultimo Enzo Moavero Milanesi, attuale Ministro per gli Affari Europei del Governo Monti ancora in carica. Laureato in Giurisprudenza. Era già al governo e non ha risolto nulla: che bisogno c’era di ripescarlo?

Avevamo proprio bisogno di questi dieci signori?

Fatta questa rapida carrellata direi che forse il presidente Napolitano, con tutto il rispetto, dovrebbe rivedere il suo concetto di “saggio”.

Auguri Italia!

 

Leggi anche

esplosione-treno-merci
Esteri

Treno carico di gas deraglia ed esplode, 5 morti e molti feriti

Disastro ferroviario nel nord est della Bulgaria, dove un treno merci carico di propano-butano, è deragliato ed esploso distruggendo almeno una ventina di edifici. Un incidente gravissimo, avvenuto nei pressi del villaggio di Hitrino, che ha provocato la morte di almeno cinque persone anche se il bilancio è ancor aprovvisorio. I medica locali hanno ricostruito la dinamica dell'incidente: il treno sarebbe uscito dai binari e questo avrebbe provocato la violentissima esplosione, che ha a sua volta causato il crollo di diversi edifici. Le persone decedute sarebbero state sepolte dalle macerie e vi sarebbero anche 25 feriti, alcuni dei quali in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*