E’ illecito per il datore di lavoro divulgare notizie sulla salute di un dipendente COMMENTA  

E’ illecito per il datore di lavoro divulgare notizie sulla salute di un dipendente COMMENTA  


La Corte di Cassazione, in una recente sentenza, si è espressa condannando il comportamenteo di un datore di lavoro, un ente pubblico, che aveva reso nota, tramite affissione all’albo pretorio e senza che ciò rispondesse a un interesse pubblico, le condizioni di salute di un dipendente. Tale condotta lede il Dlgs. 196/2003, cioé le normative sulla privacy. La Cassazione ha così condannato il datore di lavoro a risarcire i danni morali subiti dal lavoratore.

Leggi anche: Autoerotismo: masturbarsi in pubblico non è più reato

In breve la vicenda si è così svolta. Il lavoratore aveva fatto richiesta al comune presso cui è dipendente, che venisse riconosciuto il legame tra una patologia insorta e la mansione lavorativa svolta, ma la richiesta venne respinta con affissione delle ragioni all’albo pretorio e riportando anche i dettagli della malattia, gli esami eseguiti e la diagnosi.

Leggi anche: Lasciare solo il cane in giardino: multa fino a 2 mila euro

Per questa lesione della riservatezza il lavoratore si è rivolto al Tribunale per chiedere in giudizio la condanna dell’amministrazione al risarcimento dei danni non patrimoniali da lui patiti a seguito della divulgazione dei dati sensibili.

Quanto asserito dalla Cassazione è applicabile non solo nel rapporto di lavoro del settore pubblico, ma anche nell’ambito del rapporto di lavoro privato quando il datore di lavoro in modo analogo diffonda illecitamente dati sensibili coperti da riservatezza e le modalità della divulgazione possono semplificare la prova del danno per il dipendente.

Leggi anche

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l'affitto
Economia

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l’affitto

In Italia aumentano le famiglie che non riescono a pagare la rata del mutuo e dell'affitto. Il numero di chi non arriva fine mese ha toccato il picco massimo degli ultimi 11 anni.   Circa il 5,4% delle famiglie italiane non paga regolarmente la rata del mutuo o la quota dell’affitto. Sempre più italiani  in `bolletta´, un valore che è cresciuto notevolmente e che nel 2015 ha raggiunto il livello massimo del decennio. Questi i risultati dell'indagine all'Istat sulle condizioni di vita, un indagine che evidenzia chiaramente che il 60% degli italiani fa fatica a effettuare regolarmente i pagamenti e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*