E’ morta Mariangela Melato

Cultura

E’ morta Mariangela Melato

Si è spenta questa mattina alle 5 in una clinica romana, all’età di 71 anni, Mariangela Melato, una delle più grandi attrici italiane di teatro e televisione.

Vincitrice di diversi David di Donatello e Nastro d’Argento, la Melato ha recitato con i migliori registi del nostro paese al cinema, in teatro e in televisione. Ma proprio il teatro era la sua grande passione che l’ha resa eccelsa e dal 1993 era legata al Teatro Stabile di Genova.

Mariangela Melato era nata nel 1943 da padre tedesco e madre milanese, da cui aveva ereditato l’allegria e l’estroversione che l’hanno sempre caratterizzata. Aveva iniziato gli studi all’accademia di Brera per potersi pagare i corsi di recitazione, disegnando manifesti e lavorando come vetrinista alla Rinascente.

Ancora diciannovenne era entrata a far parte della compagnia di Fantasio Piccoli per poi essere diretta da grandi registi come Dario Fo e Luchino Visconti.

Non si definiva bella, ma piaceva. Non rappresentava i canoni della bellezza comune ma aveva un grande fascino e la sua voce dal timbro particolare sapeva conquistare tutti.

Nel 1969 debutta nel cinema, con Thomas, un film di Pupi Avati e poi in Per grazia ricevuta di Nino Manfredi.

Ma è il teatro la sua grande passione, che le permette il contatto diretto con il pubblico, mostrando un talento straordinario curato grazie allo studio e alla tecnica che le permettono di guadagnarsi la scena con registi emergenti e già affermati.

La fama del suo nome la porta anche lavorare per il piccolo schermo, dal 1990, senza però mai abbandonare il palcoscenico del teatro. L’ultima apparizione nel 2008, a Lugano, nello spettacolo Sola me ne vò, uno show in cui si esibisce accompagnata da musica e da sei componenti del corpo di ballo che la seducevano e corteggiavano.

Mariangela Melato è scomparsa questa mattina, sconfitta da una lunga malattia che, nel 2009, le aveva impedito di realizzare un’altro spettacolo.

Ora però ha tutto il cielo a cui esibirsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche