E’ morto Salvatore Crispi, paladino delle conquiste sociali dei disabili COMMENTA  

E’ morto Salvatore Crispi, paladino delle conquiste sociali dei disabili COMMENTA  

E’ morto Salvatore Crispi, il presidente del “Coordinamento H”, l’associazione che si batte per i diritti dei disabili, spesso ignorati e vilipesi dalle istituzioni. Uomo mite e leale, che ha dedicato tutta la propria vita alle battaglie sociali per i diritti dei più deboli e dei meno fortunati. Commosse le testimonianze presenti sul profilo facebook di Crispi, che ne hanno ricordato le nobili battaglie che ne hanno caratterizzato l’esistenza.

Leggi anche: 10 film da vedere in coppia a San Valentino


“Ci mancherai, mi mancherai. Avevi sempre una parola saggia per spiegare le cose.  R.i.p. Amico mio, ns leader in tante battaglie per i diritti di tutti”. “Cari Amici, Salvatore, poche ore fa ci ha lasciato, è partito per l’ultima missione. A lui dobbiamo veramente tanto per i suoi insegnamenti e per le sue lotte sociali a difesa dei disabili. Riposa in pace caro Amico”. Questo è il tenore dei messaggio comparsi sul suo profilo facebook. Non ha voluto fare mancare il proprio messaggio di cordoglio neanche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che ne ha ricordato il costante impegno per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Leggi anche: 10 novembre: Ennio Morricone compie 88 anni


“Grande è il dolore per la scomparsa di Crispi, leader dolce, forte e generoso – ha commentato Leoluca Orlando – Palermo deve al suo costante impegno la presa di coscienza di una cittadinanza senza barriere culturali e architettoniche.

In occasione della sua morte, il pianto di quanti lo hanno conosciuto e apprezzato si unisce al ricordo di tante battaglie di civiltà nella nostra realtà cittadina e regionale”.

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*