Uccide il rapinatore, indagato per eccesso di legittima difesa

Uccide il rapinatore, indagato per eccesso di legittima difesa

Cronaca

Uccide il rapinatore, indagato per eccesso di legittima difesa

Uccide il rapinatore, indagato per eccesso di legittima difesa
Uccide il rapinatore, indagato per eccesso di legittima difesa

Rodano: il gioielliere Corazzo verrà indagato per eccesso di legittima difesa

Corazzo, il gioielliere che si è difeso dal tentativo di rapina, uccidendo un giovane albanese, verrà indagato per eccesso colposo di legittima difesa.

Rodolfo Corazzo ha certamente ucciso per legittima difesa il rapinatore Valentin Frrokaj, che ha fatto irruzione nella sua villa di Rodano minacciando la famiglia di Corazzo. Di questo gli inquirenti sono assolutamente convinti. La rapina è avvenuta in una villetta di Lucino, frazione di Rodano (Milano). I ladri sono entrati nell’appartamento rubando le armi del Sig. Corazzo, che poco dopo li avrebbe scoperti. I malviventi avrebbero reagito aprendo il fuoco con una di queste armi e minacciando la famiglia del gioielliere, che avrebbe reagito sparando e uccidendo così uno dei tre malviventi. “Volevo solo difendere mia figlia di 10 anni” avrebbe detto il commerciante agli inquirenti. Sembra infatti che dopo un primo colpo sparato in aria dal commerciante, Frrokaj, il malvivente, abbia reagito e risposto al fuoco.

A quel punto sarebbe stato colpito da uno sparo del gioielliere: morto sul colpo. Secondo il procuratore aggiunto di Milano la sparatoria si sarebbe svolta “nell’ambito della legittima difesa”.
Tuttavia nel fascicolo d’indagine aperto dai pm Alberto Nobili e Grazia Colacicco sarà contenuta l’ipotesi di reato di eccesso colposo di legittima difesa.
Viene definita un’ipotesi di reato “tecnica”, per consentire, cioè, a Corazzo di partecipare, con l’ausilio di un difensore, agli accertamenti tecnici e all’autopsia sul cadavere del rapinatore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche