Ecco i sei oggetti più sporchi che non si lavano mai COMMENTA  

Ecco i sei oggetti più sporchi che non si lavano mai COMMENTA  

10841579_336861583166188_1067410185_n

Ogni giorno tocchiamo oggetti che, seppure all’apparenza non sporchi, sono ricettacolo di germi e batteri che si annidano sulla loro superficie. Anche se non tutti i germi rappresentano un pericolo per la nostra salute, è importante sapere quali sono gli oggetti che dovremmo lavare con una certa regolarità.

Ecco un elenco di sei oggetti che bisognerebbe lavare più spesso per eliminare germi e batteri:

  • Il contenitore dello spazzolino: il bicchiere in cui riponiamo lo spazzolino per i denti è sicuramente tra gli oggetti più sporchi del bagno.

    Sarebbe quindi buona abitudine, almeno ogni due settimane, svuotarlo e lavarlo accuratamente in lavastoviglie;

  • Il cuscino: i cuscini su cui appoggiamo la testa quando dormiamo possono diventare il terreno fertile per gli acari, il deposito di cellule di pelle morta, funghi e muffa.

    Per eliminare ogni batterio basterebbe lavarli in lavatrice oppure portati in tintoria periodicamente;

  • Le chiavi: proprio perché le portiamo sempre con noi ovunque e spesso cadono anche per terra, le chiavi della macchina o di casa sono tra gli oggetti più sporchi che utilizziamo quotidianamente.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Ricordiamoci di passarci sopra una salviettina imbevuta ogni tanto, così da eliminare i batteri che vi si depositano;
  • I lacci delle scarpe: i lacci sono ricettacolo di batteri come lo sono le scarpe, e dovremmo lavarli periodicamente con acqua e sapone oppure immergerli in lavatrice;
  • La borsa: anche questo accessorio è sempre con noi, la si poggia ovunque e proprio per questo viene a contatto con germi e batteri di ogni tipo. Si può applicare ogni tanto una salviettina umida per pulirla, ma se si tratta di borsa in pelle meglio effettuare un trattamento ad hoc;
  • Lo smartphone: è uno degli oggetti più sporchi che tocchiamo ogni giorno, e che dovremmo pulire con panni imbevuti di sostanza detergente che disinfettino la superficie.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*