Ecoreati da oggi in vigore COMMENTA  

Ecoreati da oggi in vigore COMMENTA  

Caivano (provincia di Napoli- febbraio 2012- Un vigile del fuoco impegnato a spegnere un rogo appiccato a rifiuti speciali e urbani. Nella cosiddetta Terra dei Fuochi basta spulciare i documenti dei Vigili del Fuoco ,dove sono registrati i tantissimi interventi dei pompieri per i roghi tossici, per capire la portata del fenomeno relativo ai roghi tossici. Da molti anni, la camorra e le piccole imprese che producono in nero e sono costrette a smaltire i rifiuti in nero, usa il sistema dei roghi tossici per liberarsi dei rifiuti e degli scarti industriali di ogni tipo.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, avvenuta ieri, la lotta per la tutela dell’ambiente si rafforza in modo significativo grazie all’introduzione di cinque nuovi reati.


Inquinamento ambientale, disastro ambientale, traffico di materiale radioattivo, omessa bonifica e impedimento di controllo entrano quindi da oggi a far parte del Codice Penale. Le pene sono incrementate e contemplano anche il carcere e i tempi di prescrizione sono stati allungati rispetto al passato.


Il Ministro per l’Ambiente Gianluca Galletti, via twitter, ha parlato di un “passo di civiltà atteso da tempo”.

Il provvedimento appena entrato in vigore è nato da un’iniziativa dell’onorevole Ermete Realacci, tramite una proposta di legge unificata con le analoghe degli onorevoli Micillo del M5S e Pellegrino di Sel, ed è il frutto di un’attività parlamentare intensa, che ha coinvolto le principali associazioni per la tutela dell’ambiente, fra cui Legambiente.


Proprio Realacci, attuale Presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera nonché primo firmatario della legge sugli ecoreati ha espresso grande soddisfazione per il risultato raggiunto, evidenziando la neonata “possibilità di avere giustizia per gli ‘orrori’ del passato”.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*