Editorama – Lorusso Editore COMMENTA  

Editorama – Lorusso Editore COMMENTA  

Logo jpeg

Guarda qui le interviste precedenti

Per la decima intervista di Editorama abbiamo Lorusso Editore(lorussoeditore.it)

1) Ci puoi raccontare una breve storia della Casa Editrice?

Le nostre edizioni partono nel 2009, in contemporanea con Laspro – rivista di letteratura, arti & mestieri (laspro.wordpress.com), un bimestrale in distribuzione gratuita giunto ora al numero 27. Il motto della rivista può essere esteso alla casa editrice: «La nostra scrittura si nutre di suole consumate e copertoni usurati, vibra solo se in movimento». Ci occupiamo cioè di storie e narrazioni radicate nella realtà sociale e che si collegano con i movimenti di lotta che provano a cambiare le cose, nel concreto. Per questo non concepiamo l’attività editoriale “solo” come pubblicazione di libri o riviste, ma anche nella partecipazione e organizzazione di iniziative culturali sul territorio.

Il primo libro è stato pubblicato nel 2010, The clash – Lo scontro. Storie di lotte e di conflitti, antologia di racconti con la prefazione di Valerio Evangelisti, poi sono usciti altri sei libri, più un documentario in dvd. L’anno scorso abbiamo pubblicato il primo libro della collana Zaatar, sulla Palestina, Palestine from my eyes – una blogger a Gaza di Shahd Abusalama.

2) Come scegli i titoli che andranno a catalogo?

Innanzitutto, rifiutiamo qualsiasi forma di editoria a pagamento per cui, come scritto sul nostro sito, pubblichiamo solo quello che ci piace, riteniamo interessante e pensiamo possa vendere abbastanza per non andare in perdita. Quindi i criteri sono quelli che rientrano nella linea editoriale di cui parlavo prima, con una forte attenzione alle modalità narrative utilizzate: non conta solo quello che scrivi, ma anche come lo scrivi. Privilegiamo la narrativa sociale e i mémoire, ma non escludiamo a priori alcun genere, neanche la saggistica.

3) E’ importante l’ufficio stampa nell’editoria?

Credo che lo sia e non sarebbe male averne uno… ma l’editoria con cui ho avuto a che fare è quella di quegli editori che sono contemporaneamente redattori, amministratori, correttori di bozze, distributori, magazzinieri, standisti, grafici, webmaster, traduttori, a volte anche autori. Spesso siamo stagisti di noi stessi: il lavoro va pagato, e se non hai risorse per pagare altre persone, bisogna adattarsi e imparare a fare un po’ di tutto ciò che è legato alla realizzazione, pubblicazione, distribuzione e vendita di libri e riviste.

L'articolo prosegue subito dopo

4) Che fine hanno fatto i lettori in Italia?

La lettura è un fenomeno sociale, in quanto tale connesso a tutti gli altri. I lettori sono pochissimi perché pochissima è l’importanza che il pensiero critico e autonomo, la capacità di raccontare, di raccontarsi, di prendere parola hanno nella società. Tutte capacità che i libri, la lettura esaltano. La gran parte delle persone non ha neanche un libro in casa: non per questo sono ignoranti o poco intelligenti. Ma quante sono le librerie fuori dal centro delle grandi città? Che risorse hanno le biblioteche? Quali iniziative pubbliche si intraprendono per promuovere la lettura, a parte gli inutili spot in televisione? E inoltre, quanti sono i lettori, anche quelli forti, che in questi ultimi anni non possono più permettersi l’acquisto di libri?

Per questo cerchiamo di mantenere prezzi contenuti e vediamo con molto favore il moltiplicarsi di iniziative dal basso per l’apertura di biblioteche popolari, autogestite, associazioni di lettori e rassegne culturali realizzate da centri sociali e comitati di quartiere e cerchiamo sempre di dare il nostro contributo.

5) Novità in vista? A proposito, accettate manoscritti?

A breve uscirà il primo romanzo di Cristian Giodice, cofondatore di Laspro e direttore fino al 2012, Quando ammazzarono i precari – Cronache di inizio millennio, una storia a cavallo tra i generi, dal noir alla fantascienza, per raccontare la generazione dell’ultimo quindicennio che, nonostante tutto, non si arrende al cupo destino che gli viene proposto. Poi uscirà In tempo di guerra e altre storie, antologia di racconti di Alessandro Pera, autore e attore teatrale, in passato selezionato anche per il premio Strega. E poi c’è Laspro, che quest’anno festeggia i suoi cinque anni e che ormai ha anche una dimensione “live” con reading musicali che ne fanno quasi una rock band!

Diversi altri progetti sono già in costruzione per cui, dato che non realizziamo più di tre o quattro libri all’anno, possiamo dire che no, al momento non prendiamo in considerazione manoscritti.

1 / 10
1 / 10
  • 107 secondi - Operai del sud
  • ?????????????????
  • laspro blog
  • Logo jpeg
  • Palestine from my eyes
  • Scontri di piazza
  • Tempo di crisi tempo di lotta
  • The clash - Lo scontro
  • Trecento piccolissime mani
  • Un maledetto freddo cane

Andrea Paolucci, oltre che redattore di Notizie.it, è l’autore di WUH! – Gorilla Sapiens Edizioni (Gorillasapiensedizioni.com)

Leggi anche

About Andrea Paolucci 2643 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*