Effetti Collaterali di un’overdose di acido folico COMMENTA  

Effetti Collaterali di un’overdose di acido folico COMMENTA  

Un sovradosaggio di acido folico è praticamente sconosciuto, anche se c’è sempre un rischio con qualsiasi integratore. L’acido folico può essere preso come un supplemento o ingerito attraverso gli alimenti, come piselli, fagioli, barbabietole, arance, fegato e verdure a foglia verde. Ci sono stati alcuni effetti indesiderati rilevati nel prendere pillole di acido folico, anche se non si sospetta overdose.

Leggi anche: Non tutte le vitamine sono ottime per la salute. Ecco le vitamine che dovresti prendere


Avvertimento
L’assunzione di integratori di acido folico deve essere effettuato sotto la cura di un operatore sanitario, soprattutto quando l’anemia o la gravidanza sono presenti, secondo Drugs.com.

Leggi anche: Acido folico in gravidanza: a cosa serve

Dose consigliata
Il corpo non assorbe più di 1000 mg di acido folico al giorno, secondo il sito Nutritional Supplements Health Guide. La maggior parte delle persone dovrebbe assumere circa 400 a 600 milligrammi al giorno.

Effetti collaterali gastrointestinali
In alcune persone, soprattutto quelli con allergie ad altre sostanze e cibi, gli effetti collaterali gastrointestinali dovuti anche a un normale quantità di acido folico possono verificarsi, secondo Drugs.com. Nausea, diminuzione dell’appetito, flatulenza, gonfiore addominale.

L'articolo prosegue subito dopo


Effetti collaterali emozionali
Vi è il rischio di problemi di insonnia o di concentrazione in alcune persone che assumono integratori di acido folico, secondo Drugs.com. Inoltre, un sapore amaro può verificarsi che può causare disagio sia emotivo e fisico.

Reazioni allergiche
Qualsiasi alimento o farmaco può causare una reazione allergica in qualsiasi momento e l’acido folico non fa eccezione, secondo Nutritional Supplements Salute Guide. Orticaria, gonfiore della lingua, labbra, viso e difficoltà respiratorie sono sintomi di una reazione allergica ad acido folico.

Leggi anche

larry smith parkinson
Salute

Parkinson: malato prova la marijuana terapia. Un miracolo

La marijuana come terapia di alcune patologie. Emerge dai più rispettabili studi che il Thc,  il principio attivo delle foglie di cannabis,  rallenta o  arresta la progressione del Parkinson.   Un tipo di grave patologia che, lo ricordiamo, ancora non ha una cura efficace. La cannabis è una pianta davvero miracolosa creata da madre natura. Una serie di video mostra l'effetto straordinario della marijuana sul Parkinson. Un uomo uomo,  con il valido aiuto di un collega, prova la  marijuana medica per la prima volta. Con solo qualche goccia di olio di cannabis posizionata sotto la lingua, Larry che soffre di gravi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*