Eiaculazione precoce e disfunzione erettile tra i disturbi lamentati dagli studenti universitari

Salute

Eiaculazione precoce e disfunzione erettile tra i disturbi lamentati dagli studenti universitari

Sono tante le richieste di consulenze sessuologiche effettuate dagli studenti universitari alle prese con l’eiaculazione pecoce. Fra i disturbi più lamentati dal personale tecnico-amministrativo la disfunzione erettile e i problemi nel raggiungere l’orgasmo. Sono svariate e di diversa natura le richieste d’aiuto giunte in meno di tre mesi al Servizio di consulenza sessuologica (Secs) all’università Tor Vergata a Roma.

Emmanuele A. Jannini docente di Endocrinologia e sessuologia medica a Tor Vergata ha evidenziato al sito Leggo.it, la grande quantità di disfunzioni sessuali delle quali soffrirebbero gli uomini che ricoprono delle mansioni come personale tecnico dell’Università: ‘Siamo partiti a giugno e c’è stata anche la pausa estiva, ma abbiamo avuto una richiesta d’aiuto ogni due giorni. La maggioranza da studenti maschi, età media 23 anni, ma si sono presentati anche uomini e donne del personale tecnico amministrativo. Mentre nessun docente ci ha fatto visita. Abbiamo avuto alcune donne che si sono presentate con un’anorgasmia – prosegue Jannini – ovvero la difficoltà di raggiungere il piacere. E due signore ci hanno chiesto aiuto per il disturbo del calo del desiderio legato ad una menopausa precoce’.

Un dato rilevante che evidenza come uno spaccato della società italiana soffre dei più comuni disturbi sessuali, spesso legati allo stress della vita quotidiana, e alle esigenze della società moderna di dovere apparire sempre competitivi per tenere il passo nel mondo del lavoro e nella società in generale.

In Italia, recenti studi hanno dimostrato che la disfunzione sessuale più frequente è rappresentata dalla eiaculazione precoce (in Italia ne soffrono circa 4 milioni di maschi), mentre il 12,79% della popolazione maschile lamenterebbe problemi di impotenza, soprattutto tra gli uomini di età compresa tra i 50 e 60 anni. Il diabete e l’ipertensione sono tra le cause più comuni che possono comportare oltre ad un calo di desiderio sessuale, anche i ripetuti flop a letto, con notevoli conseguenze anche per la sfera psicologica dell’individuo che ne soffre.

Leggi anche

Loading...