Elenco fonti probiotici COMMENTA  

Elenco fonti probiotici COMMENTA  

Le fonti probiotiche ci aiutano nella digestione, per il nostro sistema immunitario e per il metabolismo, e senza di loro siamo predisposti ad allergie, a malattie croniche e a malattie autoimmuni.


Si è discusso parecchio sulle varie strategie di vita per migliorare il tuo microbioma, come aprire la finestra, praticare attività all’aria aperta, ma dal momento che la maggior parte dei germi si trova nel cibo, ecco una serie di fonti probiotiche utili per il tuo organismo.

Uno dei migliori è lo yoghurt, soprattutto quello fatto a mano. Leggi le etichette e vedrai quanto lo yoghurt sia ricco di fruttosio, di dolcificanti artificiali e sapori artificiali che sono l’equivalente del gelato.


La zuppa di miso. Il miso è uno degli ingredienti tipici della medicina giapponese e si usa nella cucina macrobiotica come regolatore dell’intestino. Fatto di soia fermentata, fagioli, riso o orzo, aggiungere un cucchiaino di miso all’acqua calda è una zuppa ottima e ricca di probiotici.

L'articolo prosegue subito dopo


Sauerkraut: fatto di cavolo fermentato e qualche volta di altre verdure, non è solo ricco per la salute, ma potrebbe aiutare a ridurre i sintomi dell’allergia, dal momento che è anche ricco di vitamina B, A, E e C.

Kefir: molto simile allo yoghurt, è un prodotto fermentato che è una combinazione unica tra il latte di capra e i cereali fermentati del kefir. Ricco di lactobacilli
e del battere bifidus, è anche ricco di antiossidanti.

Kombucha: una forma di tè fermentato che contiene un battere molto alto. Aumenta l’energia, il benessere e ti aiuta a perdere peso. Il tè di kombucha non è il migliore per tutti, soprattutto per coloro che hanno problemi con la candida.

Leggi anche

Linkedin: cos'è Lynda
Guide

LinkedIn: come si può chattare

Tutta la procedura per scoprire il lato "frivolo" di LinkedIn e chattare liberamente con i propri contatti. Abbiamo già parlato di LinkedIn in precedenza: in particolare, vi avevamo illustrato cinque buone ragioni per iscriversi a Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*