Elezioni 2013, le liste. Monti schiera la Vezzali. Bersani, donne e giovani: «Più che favoriti siamo vincenti» COMMENTA  

Elezioni 2013, le liste. Monti schiera la Vezzali. Bersani, donne e giovani: «Più che favoriti siamo vincenti» COMMENTA  

Monti intende infilzare i rivali a colpi di fioretto. In questo senso potrebbe essere letta l’inclusione di Valentina Vezzali (in foto) nella lista di cui il premier dimissionario è leader. Il Professore ha affermato che la grande schermitrice di Jesi si è detta disponibile a far parte della sua lista. Monti ha reso noto anche altri due nomi: Alberto Bombassei, «uno degli imprenditori italiani più rispettati nel mondo» e Mario Sechi, direttore de Il Tempo.


Su Agi il premier dimissionario ha lanciato il suo primo vero messaggio da leader partitico, che è al contempo una chiamata alle armi , o meglio al voto, una scelta di campo e un parere in merito al bipolarismo politico: «Invito i cittadini ad impegnarsi nella gestione della cosa pubblica. Sono sceso dal piedistallo, mi sono messo dalla parte degli esclusi, dalla parte dei giovani, degli italiani che verranno, dalla parte degli italiani per valorizzare meglio il patrimonio di cultura. Non sono più sopra le parti, sono equidistante tra le parti politiche di destra e sinistra che considero una categoria un po’ vecchiotta».


A sinistra, il Partito Democratico ha finalmente presentato i suoi candidati, in massima parte frutto delle primarie parlamentari che si sono tenute lo scorso fine settimana. La lista del Pd mostra un’importante presenza femminile, visto che le donne rappresentano il 40% dei candidati e ricoprono anche posizioni di capilista, oltre che ad un buon numero di giovani leve.


«Più che favoriti ci sentiamo vincenti» ha detto su Il Sole 24 Ore «siamo noi la lepre da inseguire. Noi siamo pronti alla guida del Paese» ha affermato il segretario e candidato premier Pier Luigi Bersani, la cui incrollabile fiducia nella vittoria poggia sia sul programma politico che sulle persone che lo rappresenteranno in Parlamento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*