Elezioni, Fini e Di Pietro tra gli esclusi illustri COMMENTA  

Elezioni, Fini e Di Pietro tra gli esclusi illustri COMMENTA  

Fini e Di Pietro sono i grandi sconfitti delle ultime elezioni. Tra gli ‘illustri’ esclusi al Senato e alla Camera, oltre al leader di Fli e al deputato, anche Franco Marini, ex presidente del senato, ex segretario della Cisl e tra i fondatori del Pd, anche lui escluso da Palazzo Madama. Nel Lazio invece non è stato eletto al Senato Roberto Rao dell’Udc, stretto collaboratore di Pier Ferdinando Casini mentre non è riuscito a spuntarla neanche l’ex direttore del Tempo Mario Sechi, candidato di Scelta civica in Sardegna.

Leggi anche: Legge di stabilità, approvazione da parte della Camera


Nel lungo elenco figurano anche Enzo Moavero, ministro degli Affari europei, candidato con la lista Monti, Mauro Libe’ (Udc) e Giuliano Cazzola (lista Monti ed ex deputato Pdl). Escluso poi Guido Crosetto, tra i fondatori di Fratelli d’Italia e Gianfranco Miccichè, leader di Grande Sud. Tra gli esclusi anche il figlio
ell’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga: Giuseppe Cossiga era candidato con Fratelli d’Italia al Senato in Sardegna ma non ce l’ha fatta.

Leggi anche: DDL Boschi: arriva il si della Camera, testo approvato

Leggi anche

esplosione-treno-merci
Esteri

Treno carico di gas deraglia ed esplode, 5 morti e molti feriti

Disastro ferroviario nel nord est della Bulgaria, dove un treno merci carico di propano-butano, è deragliato ed esploso distruggendo almeno una ventina di edifici. Un incidente gravissimo, avvenuto nei pressi del villaggio di Hitrino, che ha provocato la morte di almeno cinque persone anche se il bilancio è ancor aprovvisorio. I medica locali hanno ricostruito la dinamica dell'incidente: il treno sarebbe uscito dai binari e questo avrebbe provocato la violentissima esplosione, che ha a sua volta causato il crollo di diversi edifici. Le persone decedute sarebbero state sepolte dalle macerie e vi sarebbero anche 25 feriti, alcuni dei quali in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*