Elezioni in Spagna, Rajoy rivendica il diritto di governare

Esteri

Elezioni in Spagna, Rajoy rivendica il diritto di governare

elezioni in spagna

Il Pp di Mariano Rajoy vince le elezioni in Spagna. Il fronte Podemos non ce l’ha fatta. Ora serve un accordo per formare il governo.

Ribaltato l’exit poll che dava il leader di Podemos Pablo Iglesias davanti, Rajoy intramontabile.

Cresce il Pp di Rajoy rispetto a dicembre

Le elezioni in Spagna hanno visto il Pp di Mariano Rajoy, premier uscente, conquistare la maggioranza assoluta in Senato con 130 seggi su 208. Podemos è arrivato a 16, mentre il Psoe ne ha raccolti 43, perdendone 4 rispetto alla precedente consultazione.

Adesso occorre formare una maggioranza

In Parlamento il Pp ha conquistato 136 seggi su 350 (cresciuto di +13 rispetto a dicembre). 32 seggi per i moderati di Ciudadanos, 85 per i socialisti di Pedro Sanchez (in calo di 5 unità), 71 per Podemos, 5 seggi per i nazionalisti baschi del Pnv, 17 in totale per il fronte degli indipendentisti catalani (Cdc e Erc), 2 per Bildu e 1 per Coalicion Canaria.

Rajoy cercherà un accordo per la formazione di una maggioranza parlamentare (per quella assoluta occorrerebbero altri 40 seggi) e quindi di un governo.

Rivendichiamo il diritto di governare” ha dichiarato il leader del Pp, “perché abbiamo vinto. Da domani inizieremo a parlare con tutti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche