Elezioni Quirinale, quarta fumata nera COMMENTA  

Elezioni Quirinale, quarta fumata nera COMMENTA  

Ancora nessuna novità circa l’elezione del Presidente della Repubblica. Il terzo scrutinio in mattinata si è concluso con 250 voti per Rodotà, 465 schede bianche, ventidue voti per Prodi, trentaquattro per D’Alema. Domani mattina prevista un’altra votazione per le ore 10. Il secondo candidato presentato dal centro-sinistra, l’ex premier Romano Prodi non ha raggiunto i 504 voti necessari per il quorum, fermandosi a 395 preferenze.

Leggi anche: Papa Francesco: il discorso per l’Immacolata Concezione


Il Centro-destra decide di non votare in segno di protesta. Silvio Berlusconi dichiara: “Non partecipiamo a questo voto, non è democratico”. Il deludente risultato del candidato proposto dal Pd Romano Prodi crea un’altra profonda spaccatura nel centro-sinistra: i dirigenti del Pd si chiedono ora quale strategia è meglio adottare.

Leggi anche

terremoto amatrice
Cronaca

Terremoto M 3.7 al centro Italia, molte segnalazioni da Teramo e Ascoli Piceno

Dopo i terremoti intensi registrati tra California, Cina e isole Salomone, anche l'Italia torna a tremare. E' accaduto poco fa nel centro Italia, a poca distanza dall'epicentro dei terremoti che hanno sconvolto il Paese tra agosto ed ottobre. Qui insiste dal 24 agosto uno sciame sismico incessante, caratterizzato da decine di migliaia di terremoti, alcuni dei quali piuttosto intensi. Come quello di poco fa, un sisma significativo di magnitudo 3.7 che ha avuto il suo epicentro nell'area appenninica del centro italia, tra le province di Ascoli Piceno e Teramo, al confine tra Abruzzo e Marche. Proprio da qui sono giunte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*