Emergenza cassa integrazione i maya ed economia COMMENTA  

Emergenza cassa integrazione i maya ed economia COMMENTA  

nullSostenere la crescita non sarà facile per il governo Monti. Il 2012 è iniziato con una marcata recessione ereditata dall’anno e dal governo precedente.
Se , come si spera, ci sarà una ripresa nella seconda metà del 2012, l’anno si chiuderà comunque con una riduzione del Pil che potrebbe toccare il 2 per cento.Il 2012 è l’anno della profezia dei Maya . il mondo finirà nel mese di dicembre.

Leggi anche: Effetto Brexit: cambio euro sterlina crolla

Le consulenze sullo spread sono ancora incerte, ma gli studiosi sono divisi anche su altri aspetti della questione.
Qualche settimana fa Giuliano Amato pontificava Gruber sulla spiaggia del debito pubblico ereditato dal passato e chissà a a quanti telespettatori è venuto in mente che il debito pubblico esplose negli anni 80.

Leggi anche: Debutta in Germania la moneta da 5 euro: peserà 9 grammi

Quando Amato fu nell’ordine. Deputato del Psi, consigliere economico di Craxi, sottosegretario alla presidenza del consiglio, ministro del tesoro, vicesegretario del partito.
Poi fu due volte capo del governo, dal 1992 al 93 e dal 2000 al 2001, e pure ministro del tesoro, delle riforme e dell’interno. Dunque, se abbiamo ereditato il debito pubblico, una parte del grazioso lascito la dobbiamo a lui.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*