Emirati Arabi: asta record per la targa numero 1

Attualità

Emirati Arabi: asta record per la targa numero 1

targa1 - Emirati Arabi

Sborsati oltre 4 milioni di euro per aggiudicarsi la targa numero 1 negli Emirati Arabi

Un ricco compratore ha sborsato una cifra da capogiro per aggiudicarsi la targa numero 1 in una ricca zona degli Emirati Arabi. Il ‘Nababbo’ che ha battuto tutti all’asta per aggiudicarsi il prezioso cimelio ha sborsato ben 18 milioni di Dirham (oltre 4 milioni e 300 mila euro) per battere la concorrenza.

L’asta è stata battuta nell’Emirato di Sharja e prevedeva, appunto, l’aggiudicazione della targa Sharjah 1 che è andata all’emiro Arif Ahmad Al Zaraouni che si è aggiudicato la targa per un valore ben superiore (18 volte) la cifra iniziale dell’asta. Raggiante per l’acquisto effettuato, il ricco emiro è stato intervistato da Gulf News alla quale ha ammesso di avere effettuato l’acquisto proprio per sentirsi un numero uno come la stessa targa acquistata: ‘La mia ambizione nella vita – ha ammesso Al Zaraouni – è sempre quella di essere il numero uno’.

Dopo essersi portato a casa la preziosa targa, Al Zaraouni ha deciso di montarla su una vettura, ovviamente lussuosa, in proprio possesso.

Si tratta di una Pagani Huayra, una vettura il cui valore non è di certo alla portata di semplici lavoratori a stipendio. La cifra pagata dal ricco compratore, però, non è la più alta mai pagata nella ricca zona. In passato, nel 2008 per la precisione, una stessa targa che fa riferimento all’Emirato Abu Dhabi era stata battuta all’asta per un valore di circa 52 milioni di Dirham, quasi tre volte la cifra pagata da Al Zaraouni.

Nella stessa asta vennero battute anche altre vendite di targhe per auto di grande pregio per il numero che riportavano. Ad esempio sono state vendute la numero 12, la numero 22 e la numero 1000 per cifre mirabolanti per un importo complessivo che sfiora i 12 milioni di euro. Aggiudicata all’asta anche la targa numero 99999 che un bizzarro uomo di affari ha voluto fare sua, pagandola ovviamente una fortuna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...