Entro dicembre la nuova legge sugli ‘omicidi stradali’: condanne fino a 18 anni di carcere

Attualità

Entro dicembre la nuova legge sugli ‘omicidi stradali’: condanne fino a 18 anni di carcere

Giro di vite del governo per coloro che commettono il reato di omicidio stradale. Allo studio una modifica dell‘art. 589-bis, quello che regola l’omicidio stradale, che sta per subire delle modifiche che di fatto inaspriranno le sanzioni penali per coloro che causeranno un incidente stradale e non presteranno soccorso alle vittime.

Con l’introduzione del reato di omicidio stradale si equipara l’automobilista che fugge dalle proprie responsabilità ad un comune assassino, con il rischio di subire una condanna a 18 anni di carcere.
La nuova norma di fatto introduce nuove fattispecie punite dal diritto penale, come ha evidenziato un articolo pubblicato dal Messaggero, che ha evidenziato come la nuova disciplina introdurrà il nuovo reato di ‘lesioni stradali‘ che punisce pesantemente chi si mette alla guida di un mezzo sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Innalzata la pena da otto a dodici anni per l’omicidio stradale con ubriachezza e tasso alcolemico superiore a 1,5 mg e per stupefacenti, mentre la pena per coloro che guidano in stato di ubriachezza con tasso alcolemico che oscilla tra 0,8 e 1,5 mg, la pena salirà da quattro a dieci anni.

In pratica coloro che si metteranno alla guida dopo avere bevuto tre bicchieri e mezzo di vino, o semplicemente due boccali di birra, supereranno abbondantemente il tasso minimo tollerato, con il rischio di vedersi ritirata la patente o di incorrere in una condanna pesante in caso di incidente stradale.

Il pezzo potrebbe uscire dall’Aula con alcune modifiche – srive il quotidiano romano ‘Il Messaggero’ – la più probabile è l’innalzamento del minimo della pena da quattro a cinque anni per la seconda fascia di omicidio stradale‘.

Il provvedimento sugli omicidi stradali, potrebbe già essere approvato entro la fine dell’anno, come ha garantito il premier Renzi, da tempo in prima linea sul tema della sicurezza stradale, dopo i dati recenti che evidenziano un’impennata dei morti sulle strade per incidenti causati da incauti automobilisti posti alla guida sotto l’effetto di alcol.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...