Enzo Bianchi: chi è e perchè è diventato famoso

Cultura

Enzo Bianchi: chi è e perchè è diventato famoso

Ecco un breve ritratto di Enzo Bianchi, il fondatore della comunità di Bose che ha recentemente presentato il libro dedicato a Gesù e le donne.

Enzo Bianchi è il fondatore ed ex priore della comunità di Bose. Una comunità monastica sita in Piemonte e nota per produrre materiale culturale legato alle tematiche concernenti l’etica delle religioni e impegnata nella lotta per la ‘comprensione’ delle diversità. Recentemente, Enzo Bianchi, ha scritto un libro nel quale ha stigmatizzato il ruolo di secondo piano al quale la religione cattolica ha relegato le donne e che ne ha generato una scarsa visibilità tacendone gli indiscutibili meriti.

‘Ho voluto scrivere questo libro – ha dichiarato Enzo Bianchi in una intervista – perché credo che oggi le donne nella Chiesa hanno un posto di secondo piano che non si meritano affatto. Nelle manifestazioni che danno maggiore visibilità alla Chiesa si vedono soltanto degli uomini. Oggi ci chiediamo come questo sia possibile tenuto conto che le donne sono la metà dell’umanità e della Chiesa‘. Una dura presa di posizione quella del fondatore della comunità monastica di Bose che ha voluto spiegare perchè ha ritenuto di scrivere un libro dal contenuto davvero rivoluzionario e al contempo illuminante come “Gesù e le donne”, del quale ha parlato il 26 marzo al Forum Monzani a Modena.

Enzo Bianchi ha anche narrato le vicende emblematiche che attengono al rapporto di Gesù con le molte donne incontrate nel suo percorso.

Peccatrici, donne pie, madri che vivono il lutto per la perdita di propri figli, adulte innamorate o bambine affette da malattie. Gesù ha sempre agito riconoscendo la pari dignità morale della donna. Recentemente, Enzo Bianchi, è stato insignito della cittadinanza onoraria palermitana da parte dell’attuale sindaco Leoluca Orlando, per la promozione dei valori come la solidarità e la fratellanza e la grande vicinanza alla città di Palermo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche