Epidemia Ebola, trovato il paziente zero COMMENTA  

Epidemia Ebola, trovato il paziente zero COMMENTA  

Il virus si è diffuso da un pipistrello ad un bebè in Guinea per poi iniziare a diffondersi in tutta l’Africa occidentale. E’ stata questa la genesi dell’epidemia di Ebola che nel dicembre del 2013 è ripresa diffondendosi a grande velocità, tanto da colpire oltre 27mila casi e provocare 11mila vittime. Il virus ha colpito per primo un neonato, secondo quanto rilevato da uno studio del Dipartimento di salute pubblica inglese pubblicato su Nature, e da quel momento si è diffuso in Sierra Leone ed in Liberia.

Leggi anche: Ebola, 2 morti in Guinea e 3 casi sospetti: torna il rischio contagio


Il lavoro dei ricercatori si è concentrato sull’analisi del genoma di 179 virus estratti, tra il marzo 2014 ed il gennaio 2015, da pazienti in Guinea.

Esaminandoli è stato possibile ricostruire nel dettaglio l’origine di tutti gli organismi infettanti e risalire cosi all’origine delle trasmissioni. E’ stata anche effettuata una datazione, maggio 2014, relativa al trasferimento del virus Ebola dalla Guinea in Sierra Leone.

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Epidemia Ebola, trovato il paziente zero | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*